Lavoro: serve uno sforzo unanime | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavoro: serve uno sforzo unanime

Intervista a Mario Napoli, direttore del dipartimento di Diritto privato e pubblico dell'economia all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
di Fabio Germani

Tra i maggiori problemi che l’Italia sta affrontando nel contesto della crisi economica, neanche a dirlo, c’è la disoccupazione giovanile che ha raggiunto livelli record: nel secondo trimestre dell’anno si è attestata al 33,9%, con un picco del 48% per le giovani donne del Mezzogiorno. “È innegabile che la disoccupazione rappresenti attualmente il problema centrale. In molti – osserva conversando con T-Mag il direttore del dipartimento di Diritto privato e pubblico dell’economia all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, Mario Napoli – invocano soluzioni immediate, ma è evidente come il problema non sia così semplice da risolvere. Prima di agire al fine di incentivare l’occupazione è opportuno muoversi su diversi fronti. In primo luogo, sbloccando l’economia del Mezzogiorno dove giovani e donne con titoli di studio sono senza lavoro. In seguito, attuando politiche di sviluppo che mirino agli investimenti selettivi, all’innovazione e alla ricerca per il rilancio dell’attività produttiva. In questo modo si rende possibile ovviare alle difficoltà delle imprese ad impiegare personale qualificato”.
Detta in altri termini, spiega il professore, lo schema dovrebbe seguire un filo logico preciso. Le politiche del lavoro devono essere perciò precedute dalle politiche industriali e dal controllo del bilancio. “Le istituzioni devono essere chiare – afferma Napoli – su quale modello di sviluppo intendono ispirarsi e se inoltre vogliono mantenere il Paese su un livello produttivo soddisfacente”.
Per contrastare la disoccupazione giovanile (che ha evidenziato dati elevati nell’intera eurozona, con punte vertiginose in Spagna e in Grecia), la Commissione europea ha suggerito ai Paesi membri di “imitare” il modello scandinavo secondo cui un’impresa deve essere incentivata nell’assunzione di un giovane oppure garantendo a quest’ultimo un ulteriore percorso di formazione che qualifichi maggiormente la sua figura professionale. “Le politiche nordiche – risponde il professore al quesito – sono senz’altro positive e lo sarebbero anche in Italia laddove determinate figure professionali sono del tutto assenti. C’è da dire però che da noi mancano strutture tipo agenzie del lavoro che in questo senso coniughino domanda e offerta. Di per sé il salto dalla disoccupazione all’occupazione è molto difficile. Favorire la creazione di nuove imprese permetterebbe di ricollocare, ad esempio, gli ex occupati. Non è vero – chiosa Napoli – che tutto avverrà automaticamente, anche le politiche locali ed urbane e il recupero delle aree dismesse tornerebbero utili alla causa in una prospettiva di sviluppo. Senza dimenticare, infine, la nostra atavica difficoltà ad usufruire appieno dei fondi strutturali europei”. In definitiva, conclude il professor Napoli, per rilanciare l’occupazione, specie quella giovanile, non bastano le politiche del lavoro, ma “serve lo sforzo unanime del Paese”.

 

1 Commento per “Lavoro: serve uno sforzo unanime”

  1. […] lento, declino del Paese. E come suggerivano alcuni giorni fa i professori Maurizio Del Conte e Mario Napoli al nostro giornale, non basta mutare le regole del mercato del lavoro se contemporaneamente non si […]

Scrivi una replica

News

Germania, l’addio di Merkel: «Provo innanzitutto gratitudine»

Angela Merkel ha “salutato” la Germania. «Oggi provo innanzitutto gratitudine e umiltà di fronte all’incarico che così a lungo ho tenuto», ha detto alla cerimonia…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Oms: «Ancora nessun decesso per Omicron»

Secondo l’Oms al momento non si hanno informazioni su eventuali decessi legati alla nuova variante Omicron del Covid. Lo ha sottolineato oggi un portavoce dell’agenzia…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, ok a provvedimento che evita lo shutdown

Il Congresso americano ha approvato il provvedimento che evita lo shutdown e finanzia il governo fino a febbraio. Dopo la Camera (che aveva approvato in…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “Nel 2021 si prevede un aumento del Pil pari al 6,3% e nel 2022 del 4,7%”

“Nel biennio 2021-2022 si prevede una crescita sostenuta del Pil italiano (+6,3% quest’anno e +4,7% il prossimo). L’aumento del Pil sarà determinato prevalentemente dal contributo della…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia