La crisi del mercato dell’auto: le cifre | T-Mag | il magazine di Tecnè

La crisi del mercato dell’auto: le cifre

di Mirko Spadoni

Non la faremo troppo lunga, le cose stanno così: la Fiat ha deciso che il progetto Fabbrica Italia, con i suoi 20 miliardi di investimenti al 2014, non è più valido. Tanto è bastato per allarmare i sindacati e insinuare il dubbio che il Belpaese non rientrasse più nei piani futuri della dirigenza torinese.
Ma a fugare ogni dubbio ha provveduto l’ad di Fiat, Sergio Marchionne, che in un’intervista rilasciata a La Repubblica ha spiegato: “Non ho parlato di esuberi, non ho proposto chiusure di stabilimenti, non ho mai detto che voglio andar via”. Il piano Fabbrica Italia è stato accantonato “per effetto della crisi”, ha puntualizzato Marchionne. Insomma, i progetti dell’azienda torinese erano altri, però sono subentrate diverse difficoltà e tutto è cambiato. Il mercato “reggeva”, ma ad un certo punto “è crollato”.
La Fiat resta in Italia. Almeno ascoltando le parole di Marchionne, che il ministro Fornero non ha esitato a definire “interessanti”. Ad essere meno convinti sono i sindacati, con la Cgil decisa a chiedere una maggiore “chiarezza” da parte del Lingotto. Nel frattempo è intervenuto il governo, decidendo di convocare per sabato a Palazzo Chigi la dirigenza torinese. La Fiat, che ora deve spiegare i propri progetti all’esecutivo, dal 1977 ha ricevuto dallo Stato, secondo una stima comunicata in questi giorni dalla Cgia di Mestre, ben 7,6 miliardi di euro. Dal computo, ed è bene sottolinearlo, la Cgia di Mestre non ha tenuto conto degli ammortizzatori sociali impiegati in questo periodo né degli ultimi contratti approvati dal CIPE nel biennio 2010-2011.
La vicenda, l’abbiamo fatta breve, è questa e da qui vorremo partire per fare un’analisi della situazione attuale del mercato delle auto. Che il momento non sia dei migliori è evidente, con i consumi che crollano vendere non è facile per nessuno. Tantomeno per il settore automobilistico europeo che, da undici mesi consecutivi, chiude in negativo.
I dati dell’Acea (l’Associazione dei costruttori), diffusi solo qualche giorno fa, lo confermano: ad agosto il calo nei 27 Paesi Ue più quelli Efta (Norvegia, Svizzera, Islanda e Liechtenstein) è stato dell’8,5% a 722.483 unità, mentre a luglio le vendite sono scese del 7,5% a 972.860 unità. In Italia, ha rilevato il Lingotto, “le vetture immatricolate nel mese di agosto sono circa 56.400, il 20,2% in meno rispetto ad agosto 2011”. Percentuali negative anche in Germania (-4,7%) e Francia (11,4%). In crescita, invece, il mercato in Spagna (+3,4%), mentre è rimasto stabile nel Regno Unito (+0,1%).
Dall’inizio del 2012, invece, le immatricolazioni nell’Unione europea sono diminuite del 7,1%, con cali in tutti i grandi paesi europei, come Italia (-19,9%), Germania (-0,6%), Francia (-13,4%) e Spagna (-8,5%).
Il minor numero di immatricolazioni si riflette, inevitabilmente, nelle vendite delle singole case automobilistiche. Nei primi otto mesi del 2012, le vendite del gruppo Fiat sono diminuite del 16,6%, con una quota di mercato pari al 6,5% (da 7,3% dello scorso anno), posizionandosi al quinto posto nella regione.
Stabili le vendite della Volkswagen (+0,5%), gruppo leader del mercato europeo con una quota al 25% (da 23,2% di un anno prima). Crollano, invece, Renault (-16,1%), Gm (-11,7%) e Ford (-12%).
Vendite in calo anche per Bmw (-2,6%), Daimler (-1,7%) e Toyota (-0,3%). In crescita, invece, Kia (+23,4%), Hyundai (+10,6%) e Jaguar Land Rover (+37%).
Ma guardando altrove, ad esempio oltreoceano, il mercato dell’automobile sembra in leggera ripresa. Ad agosto, tutte e tre le case automobilistiche di Detroit hanno registrato un aumento delle vendite rispetto al mese di luglio. Ford Motor (+13%) con 197.249 veicoli venduti, General Motors (+10%) con 240.520 unità e Chrysler (+14%) con 148.472 automobili. Secondo le stime degli esperti di JP Morgan, il mercato dell’auto registrerà una crescita annua di 14,5 milioni di veicoli
“La crisi dell’auto non è una crisi mondiale, ma riguarda soltanto la zona Euro”, sostiene il Centro Studi Promotor GL events che evidenzia come “il calo del 6,6% registrato negli otto mesi sia la risultante di una crescita del 2,5% nei paesi non Euro e di un calo del 9,6% nell’area Euro”.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Stati Uniti pensano a nuove misure per i viaggi

Gli Stati Uniti starebbero pensando a nuove misure per chi viaggia all’estero, in seguito ai timori sulla variante Omicron del coronavirus. Secondo il Washington Post,…

1 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Von der Leyen: “E’ tempo di discutere sull’obbligo vaccinale”

“Fino a due o tre anni fa non lo avrei mai pensato ma è tempo di discutere sull’obbligo vaccinale”. Lo ha detto la presidente della…

1 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Omicron, Ue: “Non sappiamo tutto ma abbastanza da preoccuparci. E’ una corsa contro il tempo”

“Ringrazio il Sudafrica per la velocità con cui ci hanno avvertiti su Omicron. Ci hanno dato l’opportunità di agire velocemente. Ogni giorno conta in questa situazione. L’Oms…

1 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Honduras, Stati Uniti si congratulano con Xiomara Castro

Gli Stati Uniti, attraverso le parole del Segretario di Stato, Antony Blinken, si sono congratulati con la candidata presidenziale del Partito Libertad y Refundacion, Xiomara…

1 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia