Sentenza inquietante | T-Mag | il magazine di Tecnè

Sentenza inquietante

Una sentenza inquietante
di Pierluigi Battista

Dal pagamento di 5.000 euro alla detenzione di 14 mesi senza condizionale per il giornalista condannato considerato «soggetto pericoloso»: come non essere inquieti e sconcertati per un divario così clamoroso tra due gradi di giudizio? Alessandro Sallusti, la cui condanna al carcere è stata confermata ieri dalla Cassazione, deve pagare se ha commesso un errore. Ma se la pena non è proporzionata, se c’è una dismisura di valutazione così forte persino tra i giudici che hanno emesso sentenze tanto diverse, se le porte della prigione si spalancano per il direttore responsabile di un giornale che non ha nemmeno scritto l’articolo incriminato ma che paga in virtù della sua «oggettiva» responsabi- lità, allora è una brutta giornata per la libertà di stampa.

Continua a leggere su Il Corriere.it

 

Scrivi una replica

News

Recovery, Ue lancia piano di finanziamento da 806 miliardi

“La Commissione europea lancia il suo piano per finanziare il Next Generation Eu: entro il 2026, raccoglierà sui mercati 806 miliardi di euro, con un…

14 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bce: «Campagna vaccinale è cruciale per la ripresa»

«Le misure di bilancio a sostegno dell’economia reale, nel 2020, hanno protetto le banche dal buona parte delle perdite sui loro prestiti e sarà cruciale…

14 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ocse: “L’Italia deve migliorare l’efficienza della pubblica amministrazione”

“La priorità essenziale per favorire la ripresa dell’Italia è rappresentata dalla promozione dell’efficienza della pubblica amministrazione, principalmente nell’ottica di migliorare la gestione degli investimenti pubblici…

14 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Somalia, presidente firma legge su proroga del suo mandato

Mohamed Abdullahi Mohamed, presidente della Somalia, ha firmato una legge che proroga per altri due anni il suo mandato, scaduto l’8 febbraio.…

14 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia