Spending review. Come cambiano le province | T-Mag | il magazine di Tecnè

Spending review. Come cambiano le province

In sostanza è accaduto ciò che gli enti locali temevano e il ministro della Funzione pubblica, Filippo Patroni Griffi, è stato chiaro al riguardo: “Non possiamo pensare che una riforma importante come questa possa venir meno solo per delle resistenza localistiche”. Al primo Consiglio dei ministri di novembre verrà presentato il decreto legge riguardante il riordino delle province.
Non molte settimane fa avevamo accennato alle difficoltà riscontrate, da parte dei Comitati per le autonomie locali e delle Regioni, nella ricollocazione territoriale delle nuove aree secondo i criteri stabiliti dal governo (dimensione territoriale non inferiore a 2.500 chilometri quadrati e una popolazione residente di almeno 350 mila abitanti). Secondo le prime indiscrezione che emergono in queste ore le Province scenderanno, a causa degli accorpamenti in programma, da 86 a 50, comprese le dieci Città metropolitane (tenuto conto delle Regioni a Statuto ordinario).
Questa sarà, con ogni probabilità, la ripartizione provinciale regione per regione (fonte Asca):

Piemonte. Torino (Città metropolitana); Cuneo; Alessandria e Asti; Vercelli si unisce con Biella e Verbano/Cusio e Novara (4).
Lombardia. Milano (Città metropolitana); Brescia; Bergamo; Pavia; Como, Varese, Monza Brianza; Lodi, Mantovano e Cremona; Sondrio e Lecco (7).
Veneto. Venezia (Città metropolitana); Vicenza; Verona; Rovigo e Padova; Belluno e Treviso (5).
Liguria. Genova (Città metropolitana); La Spezia; Savona e Imperia (3).
Emilia Romagna. Bologna (Città metropolitana); Modena e Reggio Emilia; Parma e Piacenza; Ferrara; Ravenna, Forlì/Cesena e Rimini (5).
Toscana. Firenze (Città metropolitana); Grosseto, Siena e Arezzo; Lucca, Massa Carrara, Pistoia e Prato; Pisa e Livorno (4).
Umbria. Perugia e Terni (1).
Marche. Ancona; Pesaro e Urbino; Ascoli Piceno, Macerata e Fermo (3).
Lazio. Roma (Città metropolitana); Frosinone e Latina; Rieti e Viterbo (3).
Abruzzo. L’Aquila e Teramo; Pescara e Chieti (2).
Molise. Campobasso e Isernia (1).
Campania. Napoli (Città metropolitana); Salerno; Caserta; Avellino e Benevento (4).
Basilicata. Potenza e Matera (1).
Puglia. Bari (Città metropolitana); Lecce; Foggia, Barletta/Andria/Trani; Taranto e Brindisi (4).
Calabria. Cosenza, Crotone; Reggio Calabria (Citta’ metropolitana); Catanzaro e Vibo Valentia (3).

Non sono previste modifiche in Valle d’Aosta, Trentino Alto Adige e in Sicilia – in riferimento alle Regioni a Statuto speciale – mentre in Friuli Venezia Giulia, che pure non vedrà particolari stravolgimenti, le province assumeranno un ruolo prettamente consultivo. In Sardegna, invece, è previsto un referendum per il taglio delle province che dovrebbero passare da otto a quattro.

 

Scrivi una replica

News

Emergenza sanitaria: dal 1° febbraio al supermercato e in farmacia senza Green Pass

Dal 1° febbraio per entrare nella maggior parte dei negozi servirà il Green Pass base, che si può ottenere anche soltanto con un test anti-genico…

21 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus: in Italia circa ventimila ricoveri in area medica

La nuova ondata di contagi sta mettendo sotto pressione il sistema ospedaliero italiano: i pazienti “con” o “per” Covid-19 ricoverati in area medica sono circa…

21 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, nel mondo oltre tre milioni di nuovi casi al giorno

A livello globale, tra il 13 e il 19 gennaio, i contagi giornalieri hanno superato i tre milioni, una cifra quintuplicata dalla scoperta della variante…

21 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, 70mila nuovi contagi in Israele

Sono quasi 70mila i nuovi casi registrati in Israele, dove salgono anche i malati gravi che sfiorano quota 638. Il dato dei contagi è il…

21 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia