La lettera dei grillini (ops) ai quotidiani nazionali | T-Mag | il magazine di Tecnè

La lettera dei grillini (ops) ai quotidiani nazionali

di Mirko Spadoni

Non potendo ancora dettare l’agenda politica del Paese, i grillini si accontentano di indicare ai quotidiani nazionali come scrivere i propri articoli quando, in quanto organi di informazione, parlano del Movimento 5 Stelle.
Le indicazioni, fornite dai grillini milanesi, sono tutte contenute in un’email inviata a diversi giornali e pubblicata online dal Corriere della Sera.
Poche righe, a dir la verità, nelle quali si spiega a “giornalisti, caporedattori, redattori e direttori” quali parole scegliere quando si parla del Movimento 5 Stelle.
Si precisa che termini usare e quali evitare affinché il “vocabolario di riferimento usato dai media sia coerente e corretto”.
Si tratta, commenta il Corriere, “di una sorta di vademecum del perfetto giornalista secondo loro”.
E a via Solferino non hanno tutti i torti, perché nonostante la brevità, l’email dei grillini contiene molte indicazioni: usate il termine “Movimento” non “Partito”, “Portavoce” non “Leader”, “Attivisti del Movimento a 5 Stelle” non “Grillini”, parola “scorretta e anche un po’ offensiva, in quanto riduttiva e verticistica” e così via, fino a chiedere al Sole 24 Ore di modificare un titolo giudicato scorretto in quanto pieno zeppo, secondo loro, di errori.
Insomma, ora i quotidiani italiani non potranno dire di non sapere. I grillini li hanno avvisati.
Ma nella settimana delle elezioni regionali siciliane, i grillini non hanno solo educato i giornalisti italiani su come va redatto un articolo quando si parla del loro partito, hanno ricevuto, a loro volta, una lezione direttamente dal loro leader, il comico Beppe Grillo.
Con un comunicato diffuso direttamente dal suo sito, Grillo ha dettato una serie di regole e regoline da seguire pedissequamente qualora un esponente del Movimento dovesse essere eletto alle prossime elezioni politiche. “Un codice di comportamento” al quale attenersi una volta eletti. Tutto in nome della trasparenza e della legalità: “rendicontazione spese mensili per l’attività parlamentare (viaggi, vitto, alloggi, ecc)” o anche, ad esempio, “il parlamentare eletto dovrà dimettersi obbligatoriamente se condannato, anche solo in primo grado, nel caso di rinvio a giudizio sarà invece sua facoltà decidere se lasciare l’incarico”.
Tutto molto nobile, tutto molto bello. Sempre se poi tali regole verranno applicate nella vita reale e non resteranno un semplice “fioretto”.
Al momento, non possiamo dirlo. Possiamo solo riflettere ancora sul significato della lettera dei grillini milanesi: chiedere ad un giornalista di usare determinati termini, di adottare un glossario che ha ottenuto il via libera di un partito o movimento, che dir si voglia, è quanto più di antidemocratico ci possa essere.
Inoltre, questa volta non deve passare il messaggio che inviare una lettera con un contenuto simile sia stato semplicemente un gesto ingenuo. Ora i grillini sono una realtà politica a tutti gli effetti, i risultati delle elezioni siciliane lo dimostrano ampiamente. Ogni loro azione è un gesto politico e in quanto tale deve essere responsabile nel rispetto delle norme che regolano la vita della nostra democrazia, perché questo siamo.
Perché c’è modo e modo, con cui si chiede qualcosa. C’è tono e tono, con cui ci si rivolge a qualcuno. E certe, troppe cose di questa letterina ci hanno ricordato richieste, diciamo così, che si avanzano solo ad una certa stampa. Quella di regime.

 

2 Commenti per “La lettera dei grillini (ops) ai quotidiani nazionali”

  1. Cocorito90

    Mamma mia quanto fa rodere il movimento, inizia ora la battaglia vera contro la denigrazione gratuita da ogni cantone, non vedo l’ora….

    • Isabella D'Antono

      Finalmente!!!! E’ partita la vera rivoluzione!! Aspettavo questo momento dagli anni 70′!!! Bravo Grillo!! Complimenti al Movimento 5 stelle!!!
      Isabella D’Antono daTermoli (CB)

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Paolo Figliuolo nominato Commissario straordinario per l’emergenza Covid-19

«Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha nominato il Generale di Corpo d’Armata Francesco Paolo Figliuolo nuovo Commissario straordinario per l’emergenza Covid-19». Lo rende noto…

1 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, ex presidente Sarkozy condannato a tre anni

L’ex presidente francese, Nicolas Sarkozy, è stato condannato oggi a tre anni, di cui due con la condizionale, per lo scandalo delle intercettazioni. Tra le…

1 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

È morto l’ex segretario generale della Uil, Pietro Larizza

Il segretario generale della Uil dal 1992 al 2000, Pietro Larizza, è morto all’età di 85 anni. Lo ha reso noto il sindacato attraverso una…

1 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Birmania, due nuove accuse contro San Suu Kyi

Violazione delle legge sulla comunicazione e incitamento al disordine pubblico. Queste sono le due nuove accuse rivolte alla leader birmana deposta dal colpo di stato…

1 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia