Istat, retribuzioni di fatto in aumento dello 0,6% | T-Mag | il magazine di Tecnè

Istat, retribuzioni di fatto in aumento dello 0,6%

“Nel terzo trimestre 2012 si rileva, per il complesso dell’industria e dei servizi, un incremento congiunturale dello 0,6% dell’indice destagionalizzato delle retribuzioni lorde per unità di lavoro equivalenti a tempo pieno (Ula), al netto della cassa integrazione guadagni (cig). Le retribuzioni aumentano dello 0,6% nell’industria e dello 0,3% nei servizi. La crescita rispetto al terzo trimestre del 2011, misurata sull’indice grezzo, è pari al 2,1%. Nei primi nove mesi del 2012 l’indice grezzo è risultato superiore dell’1,7% rispetto allo stesso periodo del 2011.
L’indice destagionalizzato degli oneri sociali aumenta dello 0,1% rispetto al trimestre precedente. L’indice grezzo cresce dello 0,3% rispetto allo stesso trimestre del 2011. La ridotta crescita degli oneri sociali è dovuta, tra l’altro, alla fruizione dello sgravio contributivo per l’incentivazione della contrattazione di secondo livello riferito agli importi corrisposti negli anni 2010 e 2011.
L’indice del costo del lavoro segna un aumento congiunturale dello 0,4%. In termini tendenziali, la crescita dell’indice grezzo è pari all’1,7%.
Nel confronto con lo stesso trimestre dell’anno precedente, l’incremento delle retribuzioni è del 2,5% nel settore industriale e dell’1,7% nei servizi.
All’interno dell’industria la crescita tendenziale delle retribuzioni più marcata si registra nel settore manifatturiero (+2,3%). Nei servizi, l’aumento maggiore si rileva nel settore del trasporto e magazzinaggio (+4,9%) a seguito del pagamento di premi di risultato che nel 2011 erano stati erogati nel quarto trimestre da alcune grandi imprese”, lo riporta un comunicato stampa di Istat.

 

Scrivi una replica

News

Germania, l’addio di Merkel: «Provo innanzitutto gratitudine»

Angela Merkel ha “salutato” la Germania. «Oggi provo innanzitutto gratitudine e umiltà di fronte all’incarico che così a lungo ho tenuto», ha detto alla cerimonia…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Oms: «Ancora nessun decesso per Omicron»

Secondo l’Oms al momento non si hanno informazioni su eventuali decessi legati alla nuova variante Omicron del Covid. Lo ha sottolineato oggi un portavoce dell’agenzia…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, ok a provvedimento che evita lo shutdown

Il Congresso americano ha approvato il provvedimento che evita lo shutdown e finanzia il governo fino a febbraio. Dopo la Camera (che aveva approvato in…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “Nel 2021 si prevede un aumento del Pil pari al 6,3% e nel 2022 del 4,7%”

“Nel biennio 2021-2022 si prevede una crescita sostenuta del Pil italiano (+6,3% quest’anno e +4,7% il prossimo). L’aumento del Pil sarà determinato prevalentemente dal contributo della…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia