Istat, retribuzioni di fatto in aumento dello 0,6% | T-Mag | il magazine di Tecnè

Istat, retribuzioni di fatto in aumento dello 0,6%

“Nel terzo trimestre 2012 si rileva, per il complesso dell’industria e dei servizi, un incremento congiunturale dello 0,6% dell’indice destagionalizzato delle retribuzioni lorde per unità di lavoro equivalenti a tempo pieno (Ula), al netto della cassa integrazione guadagni (cig). Le retribuzioni aumentano dello 0,6% nell’industria e dello 0,3% nei servizi. La crescita rispetto al terzo trimestre del 2011, misurata sull’indice grezzo, è pari al 2,1%. Nei primi nove mesi del 2012 l’indice grezzo è risultato superiore dell’1,7% rispetto allo stesso periodo del 2011.
L’indice destagionalizzato degli oneri sociali aumenta dello 0,1% rispetto al trimestre precedente. L’indice grezzo cresce dello 0,3% rispetto allo stesso trimestre del 2011. La ridotta crescita degli oneri sociali è dovuta, tra l’altro, alla fruizione dello sgravio contributivo per l’incentivazione della contrattazione di secondo livello riferito agli importi corrisposti negli anni 2010 e 2011.
L’indice del costo del lavoro segna un aumento congiunturale dello 0,4%. In termini tendenziali, la crescita dell’indice grezzo è pari all’1,7%.
Nel confronto con lo stesso trimestre dell’anno precedente, l’incremento delle retribuzioni è del 2,5% nel settore industriale e dell’1,7% nei servizi.
All’interno dell’industria la crescita tendenziale delle retribuzioni più marcata si registra nel settore manifatturiero (+2,3%). Nei servizi, l’aumento maggiore si rileva nel settore del trasporto e magazzinaggio (+4,9%) a seguito del pagamento di premi di risultato che nel 2011 erano stati erogati nel quarto trimestre da alcune grandi imprese”, lo riporta un comunicato stampa di Istat.

 

Scrivi una replica

News

«Durante la pandemia il 13% degli over 45 ha provato depressione per la prima volta»

Il biennio pandemico ha messo a dura prova la salute mentale di molte persone. Lo conferma uno studio coordinato dall’Università di Toronto, in Canada, pubblicato…

25 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inquinamento: nel 2020, nell’Ue, 238 mila morti premature a causa dell’inquinamento da polvere sottili

Nel 2020, nell’Unione europea, sono state registrate 238 mila morti premature a causa dell’inquinamento da polvere sottili. Lo denuncia l’Aee, l’Agenzia europea dell’ambiente, sottolineando che…

25 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stoltenberg: «Putin sta fallendo, per questo compie attacchi brutali»

«Vladimir Putin sta fallendo in Ucraina e dunque procede con maggiore brutalità, attaccando gli obiettivi civili, privando le persone di luce, acqua e cibo: per…

25 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cremlino: «Kiev non riconquisterà la Crimea»

«L’Ucraina non riconquisterà la Crimea». Lo ha affermato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, citato dalla Tass, rispondendo a quanto affermato dal presidente ucraino Volodymyr…

25 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia