La campagna elettorale ai tempi di Twitter | T-Mag | il magazine di Tecnè

La campagna elettorale ai tempi di Twitter

di Fabio Germani

Un po’ à la Obama, che fa sempre trendy dirla in questo modo, un po’ per colmare quelle che evidentemente il suo staff identifica quali lacune comunicative. Mario Monti, pardon, @SenatoreMonti, non si è dunque sottratto alle domande dei followers su Twitter sabato mattina. Non ha risposto a tutto, ovviamente, ma ha provato a rendere l’iniziativa qualcosa di innovativo, almeno per i suoi schemi. Così il premier uscente, che aveva fatto dell’austerity e della sobrietà il proprio credo durante tutto il mandato, si sta trasformando in un animale mediatico, tra presenze televisive e online.
Ciò che non convince dell’intervista via Twitter – ben altra cosa da quella simulata da Panorama all’inizio dell’anno scorso – è il tono fin troppo “giovanilistico” utilizzato dal Professore. Non perché non possa concedersi un’emoticon, uno smile o altro. Semplicemente perché non è il suo stile ed è evidente il lavorio di spin che vi è dietro il cambio di immagine. La campagna elettorale sta mutando Monti da “accademico” a “oratore 2.0”. Viene da chiedersi: è davvero necessario? I cittadini italiani hanno imparato a conoscere il premier tecnico nelle sue sfaccettature: la dialettica professorale da un lato, le battute sottili, ma taglienti, dall’altro. Caratteristiche che sta mantenendo intatte – e talvolta esasperate dalla competizione elettorale – nelle ultime comparsate televisive. Basta poco, insomma, per dubitare della spontaneità di questo tweet:

I social network non sono una scienza esatta, ma questo non giustifica l’improvvisazione o la sciatteria. Buoni usi e costumi dovrebbero essere la prima regola per tutti i frequentatori della Rete, a maggior ragione per coloro che gestiscono account riconducibili ad esponenti politici o candidati. La gaffe di domenica sera – vera o presunta – di @Berlusconi2013, il profilo creato da “volontari digitali” già noto alle cronache per l’acquisto, anche in questo caso “presunto”, di followers fasulli al solo scopo di accrescerne il seguito, ne è in qualche modo un esempio. Si leggeva infatti in un tweet: “#Rai3 fa cagare… La Gabbanelli (sì, con due “b”, nonostante in onda era un altro programma, Presa Diretta, non Report, ndr) sembra la Bindi.. Servi della sx e delle banche… Le porcate della sinistra mai eh? #schifo #tipisinistri”.
Il tweet incriminato è poi scomparso e i “volontari digitali” giurano che si sia trattato di un fotomontaggio di qualche buontempone. Ma due polemiche in pochi giorni sono troppe. Anche per chi dice di essere un volontario e non un professionista.

 

Scrivi una replica

News

Vaccini, la Commissione Ue firma accordo per fornitura di Novavax

La Commissione europea ha reso noto di aver firmato un accordo per la forinntura di cento milioni di dosi, più 100 milioni come opzione aggiuntiva,…

4 Ago 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, indice PMI composito a 60.2 punti

L’attività economica dell’Eurozona è aumentata al tasso più veloce in poco più di 15 anni durante il mese di luglio, con una forte crescita della…

4 Ago 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coldiretti: incendi triplicati nell’estate 2021. Danni per milioni di euro

Grandi incendi triplicati in Italia (+203%) nell’estate 2021 con danni per milioni di euro all’ambiente, all’economia, al lavoro e al turismo. E’ quanto emerge dall’analisi…

4 Ago 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Il controllo dei NAS negli stabilimenti balneari: irregolarità nel 29% dei casi

Con l’avvio della stagione turistica estiva, i Carabinieri dei NAS, d’intesa con il Ministero della Salute, hanno realizzato una campagna di controlli negli stabilimenti balneari e…

4 Ago 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia