Gli studenti Erasmus e il voto (forse) negato | T-Mag | il magazine di Tecnè

Gli studenti Erasmus e il voto (forse) negato

di Mirko Spadoni

Una delle comunità italiane più consistenti all’estero, quella degli studenti Erasmus, forse non potrà votare alle prossime elezioni politiche. Diciamo forse, perché sul caso è intervenuta la Commissione europea, che ha chiesto all’Italia di tornare sui suoi passi e di rivedere le regole.
Le norme attuali, infatti, consentono solamente a determinate categorie di poter votare, tramite corrispondenza, pur vivendo fuori dai confini nazionali: il personale delle forze armate, agenti di polizia, professori e ricercatori universitari e gli iscritti nelle liste elettorali dell’Aire. Mentre degli studenti Erasmus, al momento circa 25.000, non vi è traccia.
Sul caso è intervenuto anche il ministro dell’Interno Anna Maria Cancellieri, che aveva spiegato: “Non potranno andare al voto (gli studenti Erasmus, ndr) perché proprio tecnicamente non è possibile, in quanto per potere essere elettori bisogna essere iscritti nelle liste elettorali dell’Aire e non sono previste per chi sta all’estero da meno di un anno. E poi non ci sono i tempi tecnici per istitutire delle liste elettorali. Ci vorrebbe una legge ad hoc che non è mai stata fatta”.
Spiegazioni, quelle del titolare del Viminale, che proprio non sono piaciute al presidente del Consiglio dimissionario, Mario Monti, il quale nella giornata di domenica aveva invitato proprio il ministro degli Interni e il ministro degli Esteri, Giulio Terzi, “a fare tutto quanto è possibile per consentire il voto agli italiani che si trovano temporaneamente all’estero per attività quali il programma Erasmus”.
E così, dopo il richiamo del premier, è arrivato anche quello della Commissione europea. “Non vogliamo criticare le regole italiane – ha detto il portavoce Dennis Abbott, parlando con alcuni cronisti a Bruxelles – tuttavia sosteniamo gli sforzi dell’Italia affinché non siano discriminati e possano votare”.
Le leggi elettorali, ha riconosciuto Abbott, sono di competenza nazionale degli Stati membri ma, ha puntualizzato, “gli studenti all’estero non dovrebbero essere svantaggiati e la loro mobilità non deve essere disincentivata”.

 

Scrivi una replica

News

Unicredit, nel 2021 l’amministratore delegato lascerà l’incarico

L’amministratore delegato della Unicredit, Jean Pierre Mustier, lascerà il suo incarico a fine mandato, cioè nell’aprile 2021. Mustier ha reso noto che la sua decisione…

1 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Usa, si dimette il consigliere sul Covid

Scott Atlas, consigliere sul Covid dell’amministrazione Trump, si è dimesso. Atlas era un convinto sostenitore dell’immunità di gregge ed era stato scelto da Trump pur…

1 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Von der Leyen: «Entro gennaio i primi vaccini»

«La crisi legata al coronavirus non è ancora finita e l’incertezza continua ma in modo diverso da marzo, oggi sappiamo che c’è una via di…

1 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Titoli di Stato: spread Btp/Bund a 119 punti

All’avvio dei mercati finanziari lo spred tra Btp e Bund si è attestato a quota 119 punti.…

1 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia