Crisi economica, Fmi: “Per Italia 2013 più difficile ma ripresa nel 2014” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Crisi economica, Fmi: “Per Italia 2013 più difficile ma ripresa nel 2014”

Nell’edizione di aprile del World economic outlook il Fondo monetario internazionale stima per l’Italia una recessione più dura per il 2013 ma tuttavia lascia intravvedere una ripresa nel prossimo anno.
Per l’Itali, l’Fmi, prevede un calo del Pil dell’1,5% per quest’anno, rispetto alla precedente previsione che indicava una caduta del Prodotto interno lordo dell’1% circa. Per il 2014 però si stima una crescita dello 0,4%.
Ridotte le stime di crescita 2013 anche per gli Usa, che dovrebbero far registrare un incremento dell’1,9%, 0,2 punti percentuali in meno rispetto alle previsioni di gennaio. Per il prossimo anno la crescita statunitense dovrebbe accelerare al 3% anche se dello 0,1% in meno rispetto alle precedenti stime. Previsioni peggiorate anche per l’Eurozona, stimata in contrazione dello 0,3% per quest’anno (era -0,1% a gennaio), con una ripresa nel 2014 dell’1,1%.
In questo senso l’Eurozona deve rafforzare l’unione economica e monetaria. Le forti e responsabili azioni dei politici europei hanno contribuito a migliorare la fiducia e le condizioni nei mercati finanziari.
Gli sviluppi nell’Eurozona, in generale e l’incertezza provocata da Cipro e dalla politica in Italia costituiscono, nel medio termine, i rischi maggiori per l’economia globale. Lo afferma il Fondo monetario internazionale nell’edizione di aprile del World economic outlook. Per il Fondo ”vecchi e nuovi rischi possono venire alla ribalta. A breve termine, i rischi si riferiscono principalmente agli sviluppi nell’Eurozona, tra cui l’incertezza sulle conseguenze derivanti dagli eventi a Cipro e della politica in Italia, cosi’ come le vulnerabilita’ nella periferia (dell’area Euro, NdR)”.

 

Scrivi una replica

News

Ambiente, nel 2019 emissioni gas serra Ue in calo del 3,7% su base annua

Nel 2019 le emissioni di gas a effetto serra dell’Unione europea – il dato include il trasporto aereo – sono scese del 3,7% su base…

30 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus: in Italia dal 1° al 29 novembre, quasi 801mila casi

Un bilancio sull’andamento della pandemia in Italia negli ultimi 30 giorni rivela che i casi di infezione da SARS-CoV-2 registrati ufficialmente sono stati 800.953, 22.712…

30 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inflazione, Istat: «Resta negativa, a novembre -0,2%»

«Secondo le stime preliminari, nel mese di novembre 2020 l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registra una…

30 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 62,8 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 62.829.641. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

30 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia