Istat, esportazioni in crescita del 2% e importazioni in calo del 2,4% | T-Mag | il magazine di Tecnè

Istat, esportazioni in crescita del 2% e importazioni in calo del 2,4%

“A marzo 2013, rispetto al mese precedente, le esportazioni verso i paesi extra-Ue crescono del 2,0%, mentre le importazioni registrano una diminuzione del 2,4%.
La crescita congiunturale dell’export è diffusa a tutti i principali raggruppamenti di beni, ad esclusione dell’energia (-16,5%). Dal lato dell’import la flessione interessa tutti i principali comparti, a eccezione dei beni di consumo (+4,0%). La riduzione è particolarmente marcata per l’energia (-7,7%).
Nel primo trimestre 2013 la dinamica congiunturale delle esportazioni è lievemente positiva (+0,5%), sostenuta dalla crescita dei beni di consumo (+3,6%) e dei prodotti intermedi (+1,9%). La flessione degli acquisti dall’estero (-3,3%) risente in misura significativa della forte diminuzione delle importazioni di energia (-9,5%).
A marzo 2013 la diminuzione delle esportazioni rispetto allo stesso mese del 2012 (-1,3%) coinvolge tutti i principali comparti, con l’eccezione dei beni di consumo (+7,4%). Per l’energia si rileva una marcata flessione tendenziale (-25,4%).
Le importazioni registrano una marcata e diffusa flessione tendenziale (-15,0%), con cali particolarmente rilevanti per l’energia (-26,4%) e i beni strumentali (-18,3%). Risultano in controtendenza soltanto gli acquisti di beni di consumo non durevoli (+1,3%).
A marzo 2013, il surplus commerciale con i paesi extra Ue è pari a +2,6 miliardi di euro, a fronte dell’avanzo di 491 milioni dello stesso mese del 2012. L’avanzo nell’interscambio di prodotti non energetici passa da +6,0 a +6,7 miliardi di euro e il deficit energetico si riduce da -5,5 a -4,0 miliardi di euro. Nel primo trimestre 2013 il saldo commerciale con i paesi extra Ue è pari a +1,1 miliardi.
I mercati più dinamici all’export sono: Giappone (+32,4%), MERCOSUR (+9,5%), Russia (+9,3%) e OPEC (+9,1%). Turchia (-11,9%), Svizzera (-4,8%), Stati Uniti (-2,8%) e Cina (-1,8%) presentano invece una diminuzione più marcata della media.
La diminuzione delle importazioni è particolarmente sostenuta da Giappone (-32,6%), Stati Uniti (-28,6%), OPEC (-28,1%) e EDA (-27,8%). In forte aumento sono invece gli acquisti dalla Russia (+13,0%)”, lo riporta Istat in un comunicato stampa.

 

Scrivi una replica

News

Corea del Sud e Corea del Nord, ripartono le comunicazioni

La Corea del Nord e quella del Sud hanno reso noto, tramite un comunicato congiunto, che sono ripartite le comunicazioni dirette a 13 mesi dalla…

27 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ministro Salute Francia: “Vaccinatevi!”

“Questa mattina, mezzo milione di appuntamenti sono disponibili in tutta la Francia per farsi vaccinare. E centinaia di migliaia di appuntamenti supplementari saranno aperti ogni…

27 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio: Wti a 72,14 dollari al barile e Brent a 74,87 dollari

All’avvio dei mercati asiatici il greggio texano Wti è stato scambiato a 72,14 dollari al barile e Brent a 74,87 dollari al barile.…

27 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Titoli di Stato: spread Btp/Bund a 105 punti

All’avvio dei mercati finanziari lo spread tra Btp e Bund si è attestato a quota 105 punti.…

27 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia