Quell’opportunità chiamata Europa | T-Mag | il magazine di Tecnè

Quell’opportunità chiamata Europa

EU wins Nobel Peace Prize for advancement of democracyNe è passata di acqua sotto i ponti dalla dichiarazione Schuman, il 9 maggio 1950. Quella che con il tempo sarebbe divenuta Unione europea è oggi alle prese con una profonda crisi economica e di identità. All’epoca la Comunità europea del carbone e dell’acciaio (CECA) era il primo tentativo di una concessione di sovranità ad un’organizzazione intergovernativa. Dal Trattato di Roma in poi gli Stati che mano a mano ottenevano lo status di membri della futura comunità europea, così come la conosciamo oggi, hanno lavorato assiduamente ad una migliore e sempre maggiore integrazione. Tuttavia la crisi che è rimbalzata dagli Stati Uniti al Vecchio Continente ha messo in luce le divergenze tra i Ventisette, soprattutto ha posto le basi – fin dall’introduzione della moneta unica, adottata da 17 Paesi membri – per una regia a Bruxelles tutta rigore e assestamento dei conti pubblici con ripercussioni talvolta sulla crescita e sull’occupazione.
Quest’ultimo è uno dei problemi prioritari per l’Ue. La Bce prevede “ulteriori perdite di posti di lavoro e aumento della disoccupazione nei prossimi mesi” nell’eurozona. E i più colpiti dalla crisi occupazionale, neanche farlo apposta, “sono i giovani e i lavoratori a bassa qualificazione”. Ma il pilastro democratico dell’Europa non può essere messo a rischio, semmai deve essere rinvigorito. “Se l’Europa dimentica le ragioni ideali della propria nascita, essa è destinata al fallimento”, ricorda il vicepresidente del Parlamento europeo, Gianni Pittella, nel videomessaggio per celebrare il 9 maggio. “L’Europa – aggiunge Pittella – non può essere fatta solo di patti di stabilità e di manovre di bilancio” perché “l’Europa nasceva come una grande speranza ed un’opportunità per tutti”.
“Traendo ispirazione da quella dichiarazione di sessantatre anni orsono e dalla coerenza dei padri fondatori, oggi l’Unione europea – è invece il messaggio del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano – non può esitare dinanzi al nuovo percorso da compiere. Troppo pressanti sono i problemi sociali ed economici. Se ne debbono far carico pienamente le istituzioni europee rispondendo alle attese delle giovani generazioni e suscitando in esse rinnovata fiducia nella fecondità dell’esperienza e del disegno dell’Europa unita”.
“Occorre senza concederci alcuna indulgenza – ha sottolineato Napolitano –, proseguire sulla via delle riforme e dell’effettivo sollecito avvio di indispensabili politiche comuni a sostegno della ripresa dell’economia e dell’occupazione. Sono convinto che l’Italia non mancherà in questo contesto di dare il proprio convinto e forte contributo alla prospettiva dell’unità politica europea secondo l’originale ispirazione federalista che la caratterizza”.

 

Scrivi una replica

News

Maria Chiara Carrozza nominata presidente del Consiglio nazionale delle Ricerche

Maria Chiara Carrozza, classe 1965, è stata nominata presidente del CNR, il Consiglio Nazionale delle Ricerche. L’ha nominata la ministra dell’Università e della Ricerca, Maria…

12 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, vaccino Astrazeneca anche agli over 55

La Francia ha abbassato l’età per il vaccino AstraZeneca, che verrà inoculato alle persone con più di 55 anni.…

12 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Confindustria: “A fine 2022 l’economia italiana colmerà il gap generato con la crisi pandemica”

“A fine 2022 il lungo recupero dell’economia italiana porterà alla completa chiusura del gap generato con la crisi pandemica . Per la ripresa dell’Italia sarà…

12 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, 277 morti in Russia in 24 ore: dato più basso dal 9 novembre

La Russia ha registrato 277 morti nelle ultime 24 ore, registrando il dato più basso dal 9 novembre.…

12 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia