Nel Pd è il giorno di Guglielmo Epifani | T-Mag | il magazine di Tecnè

Nel Pd è il giorno di Guglielmo Epifani

T-Mag ha assistito all'Assemblea nazionale del Partito democratico

guglielmo_epifaniAlla fine l’unica candidatura è stata quella di Guglielmo Epifani, come era stato previsto già nella giornata di venerdì. L’assemblea nazionale del Pd, che si è riunita sabato alla Nuova Fiera di Roma, ha così eletto Epifani con 458 voti quale “reggente” con il compito di traghettare il partito fino al congresso. Un congresso che, hanno suggerito diversi esponenti durante i lavori, dovrà tenersi in tempi rapidi per stabilire il nuovo corso e la nuova leadership.
Alla vigilia era stata paventata la possibilità di un confronto serrato per non dire da resa dei conti. Al contrario si è respirata un’aria distesa, nonostante le divergenze emerse negli ultimi tempi. Il segretario dimissionario, Pier Luigi Bersani, ha invitato l’assemblea a guardare avanti, a individuare cioè la distinzione che vi deve essere tra “soggetto politico” e “spazio politico”. Epifani, da par suo, ha ammesso di non avere cercato questo incarico a cui, una volta pervenuto, non si sarebbe potuto sottrarre.
occupy_pdÈ intervenuto anche il sindaco di Firenze, Matteo Renzi, il quale ha invitato i “dissidenti” di occupyPd (rimasti a lungo fuori: “siamo più di 101”, in riferimento ai 101 che non votarono per Romano Prodi nella corsa al Quirinale) a rilanciare, piuttosto, openPd. “Il Pd – ha poi ammonito Renzi – non deve subire questo governo”, altrimenti “regaliamo un calcio di rigore a Silvio Berlusconi”.
Tra gli inviti a convocare il congresso nel più breve tempo possibile, anche quello del vicepresidente del Parlamento europeo, Gianni Pittella: “Epifani deve convocare immediatamente il congresso che deve essere aperto a tutti. Bisogna ripartire dagli ottomila Comuni e mettere al centro del dibattito la parola ‘persona’, partendo dagli amministratori locali. Sono i territori – ha aggiunto Pittella – che devono tornare protagonisti nel nostro congresso”.
Non sono mancate le voci particolarmente critiche. Su tutte quelle di Vincenzo De Luca, secondo il quale è opportuno “smantellare le correnti”. Questo l’assioma: un conto è il puralismo, un altro è il correntismo militare. Per Gianni Cuperlo si è dinanzi ad una crisi senza precedenti della democrazia, mentre Giuseppe Civati ha ricordato come in un partito democratico la discussione sulle scelte da prendere (chiaro il riferimento agli eventi delle scorse settimane) vada proposta prima, non a cose fatte.
A chiudere la giornata democratica è stato il premier Enrico Letta, il quale ha citato l’inno del Liverpool (Renzi, invece, aveva rammentato il ritiro – “la rottamazione” – di Alex Ferguson, storico allenatore del Manchester United): You’ll never walk alone. “Epifani segretario è una buona notizia per il governo”, ha osservato Letta. Prima, era stato lo stesso Epifani ad assicurare a Letta il sostegno del Pd. Che però, aveva anche ricordato, dovrà dare prova di sapere accettare chi ha un’opinione diversa di un passaggio difficile: “Non possiamo permetterci soprattutto che i giovani abbandonino l’idea di speranza del Pd”.

 

Scrivi una replica

News

Recovery, Ue lancia piano di finanziamento da 806 miliardi

“La Commissione europea lancia il suo piano per finanziare il Next Generation Eu: entro il 2026, raccoglierà sui mercati 806 miliardi di euro, con un…

14 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bce: «Campagna vaccinale è cruciale per la ripresa»

«Le misure di bilancio a sostegno dell’economia reale, nel 2020, hanno protetto le banche dal buona parte delle perdite sui loro prestiti e sarà cruciale…

14 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ocse: “L’Italia deve migliorare l’efficienza della pubblica amministrazione”

“La priorità essenziale per favorire la ripresa dell’Italia è rappresentata dalla promozione dell’efficienza della pubblica amministrazione, principalmente nell’ottica di migliorare la gestione degli investimenti pubblici…

14 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Somalia, presidente firma legge su proroga del suo mandato

Mohamed Abdullahi Mohamed, presidente della Somalia, ha firmato una legge che proroga per altri due anni il suo mandato, scaduto l’8 febbraio.…

14 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia