Pil in calo per il settimo trimestre | T-Mag | il magazine di Tecnè

Pil in calo per il settimo trimestre

pil_crisi_economicaNel primo trimestre del 2013 il Prodotto interno lordo, espresso in valori concatenati con anno di riferimento 2005, corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, è diminuito dello 0,5% rispetto al trimestre precedente e del 2,3% nei confronti del primo trimestre del 2012. Confermando così un andamento che si verifica ormai da sette trimestri consecutivi e stabilendo così un record assoluto. E’ quanto spiega l’Istat nelle stime preliminari sul prodotto interno lordo italiano.
Il calo congiunturale, si legge nel resoconto, è la sintesi di una diminuzione del valore aggiunto nei comparti dell’industria e dei servizi e di un aumento nel settore dell’agricoltura. Il primo trimestre del 2013 ha avuto lo stesso numero di giornate lavorative del trimestre precedente e una giornata lavorativa in meno rispetto al primo trimestre del 2012. La variazione acquisita per il 2013 è pari a -1,5%.
Anche l’Ocse qualche giorno fa, aveva rivisto al ribasso le sul Pil italiano per il 2013. L’organizzazione ha previsto una contrazione dell’1,5%, contro il -1% ipotizzato a novembre. Secondo gli analisti dunque il ritorno alla crescita non avverrà prima del 2014 (con un +0,5%). Qualche timida risposta potrebbe comunque arrivare a fine 2013. La priorità, secondo l’Ocse, rimane senza dubbio la riduzione del debito pubblico, che nel 2014 arriverà al 134%.
A proposito di debito pubblico: in una nota diffusa martedì dalla Banca d’Italia si afferma che “il debito delle Amministrazioni pubbliche aumenta di 17,1 miliardi rispetto al mese precedente attestandosi a 2.034,7 miliardi. L’aumento riflette principalmente il fabbisogno del mese di marzo (21,8 miliardi, inferiore di 3,8 rispetto a quello dello stesso mese dell’anno precedente). Tale fabbisogno, elevato per fattori stagionali, è parzialmente controbilanciato dalla diminuzione di 3,8 miliardi delle disponibilità liquide del Tesoro (a 45,9 miliardi).
Con riferimento alla ripartizione per sottosettori, rispetto a febbraio il debito delle Amministrazioni centrali è aumentato di 16,9 miliardi, quello delle Amministrazioni locali di 0,2 miliardi; il debito degli Enti di previdenza è rimasto sostanzialmente invariato. A marzo le entrate tributarie contabilizzate nel bilancio dello Stato sono state pari a 26,0 miliardi, in diminuzione dello 0,7 per cento (0,2 miliardi) rispetto a quelle dello stesso mese del 2012 (26,2 miliardi)”.
Se l’Italia piange, il resto d’Europa non ride. Anche la Francia è entrata in recessione, registrando un ulteriore calo, come il trimestre precedente, dello 0,2% del prodotto interno lordo. Record negativo anche per quanto riguarda il potere d’acquisto delle famiglie francesi 2012: -0,9%. Rivisto al ribasso il calo dei consumi: -0,4% contro il precedente 0,1%. Cresce invece dello 0,1% il Pil della Germania.
Veniamo ora alla Grecia: Fitch, agenzia di rating, ha annunciato di aver alzato la valutazione del debito a lungo termine della Grecia da CCC a B-, come anche il debito a breve termine che pacssa da C a B. Con outlook stabile. Secondo Fitch la Grecia è riuscita a fare notevoli progressi per la riduzione dei deficit sui conti pubblici e sulle partite correnti. Difficile potrebbe essere però la ripresa dal brusco calo del prodotto interno lordo e dall’aumento drammatico della disoccupazione. La ripresa economica non sarebbe dunque ancora “materiale”.

 

Scrivi una replica

News

Morto il principe Filippo, marito della Regina Elisabetta II del Regno Unito

All’età di 99 anni è morto il principe Filippo, marito della regina Elisabetta II del Regno Unito. Venne nominato principe del Regno Unito nel 1957,…

9 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Oms: “Nessun dato che i vaccini siano intercambiabili”

Secondo l’Oms, non c’è alcun dato adeguato sull’intercambiabilità dei vaccini. Questa affermazione è arrivata in seguito all’annuncio della Francia che ha reso noto che le…

9 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Morte George Floyd arrivata per asfissia

George Floyd è morto per asfissia e non per overdose di fentanyl, come sostenuto dall’avvocato dell’agente Derek Chauvin. Lo ha stabilito il medico Martin Tobin,…

9 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Nord, Kim avverte la popolazione: “Arriveranno tempi duri”

Kin Jong-Un, leader nordocerano, ha lanciato l’allarme alla sua popolazione dicendo di prepararsi ad un crisi difficili paragonando i tempi che verranno ad una terribile…

9 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia