Sono 85 milioni gli europei che hanno fatto uso di droghe | T-Mag | il magazine di Tecnè

Sono 85 milioni gli europei che hanno fatto uso di droghe

di Matteo Buttaroni

arresti carabinieri drogaSono ottantacinque milioni i cittadini europei che nel corso della vita hanno fatto uso di droghe illecite, mentre sono circa tre milioni le persone che dichiarano di assumere cannabis quotidianamente.
Sono questi i numeri che emergono dal rapporto annuale dell’Osservatorio europeo sulle droghe e le tossicomanie, nel quale viene evidenziato che l’utilizzo di stupefacenti è arrivato a toccare livelli ormai storicamente elevati.
A destare particolari preoccupazioni sono le droghe sintetiche mentre risultano in calo, sebbene leggero, i consumatori di eroina, cocaina e marijuana. Quest’ultimo calo si riflette infatti sulla diminuzione delle morti per overdose: 6.500 nel 2011 contro le settemila del 2010 e le 7.700 del 2009.
Tornando alle droghe sintetiche risulta che nel Vecchio Continente, solo nel 2012, sono state scoperte ben 73 nuove sostanze psicoattive. L’anno precedente ne erano state portate alla luce 49 di cui ben 19 contenenti sostanze chimiche poco conosciute o del tutto oscure. Altre 14 erano sintetizzate a base di stimolanti come anfetamine o ecstasy.
Anche l’Osservatorio di Lisbona ha dato molto risalto al mutamento, sempre più fluido e dinamico, delle droghe leggere e non. Entrando nel dettaglio, spiega l’Osservatorio, le droghe leggere restano comunque, fortunatamente, quelle più consumate. Se è vero che prima quasi la totalità dell’hashish proveniva dal Marocco oggi è sempre più diffusa la coltivazione a chilometro zero: quasi ogni paese segnala ormai coltivazioni locali, naturalmente controllate dalla criminalità organizzata.
Per quanto riguarda i sequestri, nel 2011 sono state rinvenute 483 tonnellate di hashish, 92 tonnellate d’erba e 4,4 milioni di piante.
La seconda droga, non totalmente sintetica, utilizzata è la cocaina che conta addirittura 14,5 milioni di persone che ammettono di averla consumata almeno una volta nella vita. Sono due milioni e mezzo invece le persone che ammettono di averne fatto uso negli ultimi dodici mesi. Sono 62 milioni le tonnellate di polvere bianca sequestrate nel 2011 in Europa.
Sono invece 1,7 milioni le persone che ogni anno fanno uso di ecstasy e anfetamine mentre 1,4 milioni sono dipendenti da oppiacei, come ad esempio l’eroina.

 

3 Commenti per “Sono 85 milioni gli europei che hanno fatto uso di droghe”

    • Marco G.

      Nell’articolo non si dice più nociva “ma piu potente”, è una bella differenza:
      Innanzi tutto bisogna dimostrare tutta questa nocività della cannabis.
      Il THC è una delle sostanze farmacologicamente attive, più sicure, il suo LD50 rating “dose letale” è di oltre 1000 mg x kg di peso nell’uomo, anche la cannabis forte ne contiene il 25%, quindi per avere un effetto letale bisognerebbe assumere 240 g per una persona del peso di 60 kg (la dose media comunemente usata da un fumatore abituale nell’arco di circa un anno), solitamente non arriva al 20% di THC ma se un “erba” è più forte, se ne usa molto meno.
      Il problema della potenza deriva dall’attuale legge che vige oggi in Italia, gli autocoltivatori sono costretti a nascondere accuratamente le loro piante “certi coltivano con lampade in specie di armadi”, qundi si devono limitare ad una o due piante piccole e compensare la quantità con la potenza “ma anche a farsela durare di più”.
      Solitamente nelle coltivazioni all’aperto “senza la forzatura artificiale con oltre 18 ore di luce”, le piante arrivano al 12-15% di principio attivo, mentre l’hashish “marocchino” arriva raramente al massimo del 8 – 10% di THC effettivo.

      Le piante ibride ultraforti, sono state create a causa di queste situazioni o per l’uso farmaceutico “dolore spastico nella SM, disintossicazione dall’eroina o dalla cocaina”, anche in Olanda non hanno una forte richiesta locale, sono dei fenomeni “come la zucca più grande del mondo, ecc”, non credo, anche facendo un parallelo, anche se esistono delle birre molto forti 25° gradi ed oltre, abbiano un forte richiamo sulle persone:
      Generalmente i bevitori di birra preferiscono la birra più leggera, ma con un buon sapore (la stessa cosa vale per la cannabis) e fumare una canna troppo forte, che stende anche fisicamente, non è leffetto desiderato da nessuno.
      Piuttosto queste storie sono paragonabili a delle fandonie, a delle scuse pietose, create per dimostrare qualcosa che non sta in piedi.
      Se si desidera denigrare l’uso dell’alcol non si parte dal fatto che esista un liquore cinese a 82°, ma si usano dei fatti oggettivi basati sulle qualità e le di bevande più usate in assoluto “vino o birra”.
      Se volete dimostrare che la cannabis fa male, dovete paragonare il male che fa rispetto ad altre cose più conosciute “p.e l’alcol”, ebbene l’alcol fa 25.000 vittime all’anno (quale sono le statistiche della cannabis?)
      Sappiamo che tutte le morti da eroina ed oppioidi illegali sono circa 400 in un anno “ma i consumatori sono abbastanza rari”, però quelli per esclusivo uso di cannabis (senza abuso di alcolici ed oppiodi) sono pari a 0 (zero), nonostante non siano pochi in Italia i consumattori che dicono di usarla “molti di più quelli che furbamente non lo dicono”.

      Quindi ci dovremo preoccupare della cannabis forte o dell’uso compulsivo di alcolici da parte dei giovani (spesso accompagnato da cocaina e sostanze eccitanti), un effetto molto conosciuto della cannabis è quello di aumentare gi effetti dell’alcol (ma anche limitando l’abuso di questo), mentre nelle gare dei giovani italiani a chi beve più drink alcolici in breve tempo (binge drinking), ci si aiuta solitamente con la cocaina, ecstasy, anfetamina ed altri eccitanti. chi fuma non frequenta neppure queste gare e preferisce passatempi molto più tranquilli e stranamente “anche se sarebbe meglio niente” salutari.

      Fondazione Umberto Veronesi: Se le droghe leggere non fanno male:
      http://www.fondazioneveronesi.it/blogveronesi/3348

      http://healthpsych.psy.vanderbilt.edu/2009/MarijuanaBrain.htm
      http://forum.grasscity.com/marijuana-news-usa/22276-heavy-marijuana-use-doesnt-damage-brain.html
      http://weedsmokersguide.com/marijuana-brain-damage-long-term-effects/
      http://www.washingtonpost.com/wp-dyn/content/article/2006/05/25/AR2006052501729.html
      http://abcnews.go.com/blogs/health/2012/02/09/pot-smoking-raises-risk-of-fatal-car-crashes/
      http://clear-uk.org/pcc-complaint-the-mail-on-sunday-13th-march-2011/

Scrivi una replica

News

Morto il principe Filippo, marito della Regina Elisabetta II del Regno Unito

All’età di 99 anni è morto il principe Filippo, marito della regina Elisabetta II del Regno Unito. Venne nominato principe del Regno Unito nel 1957,…

9 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Oms: “Nessun dato che i vaccini siano intercambiabili”

Secondo l’Oms, non c’è alcun dato adeguato sull’intercambiabilità dei vaccini. Questa affermazione è arrivata in seguito all’annuncio della Francia che ha reso noto che le…

9 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Morte George Floyd arrivata per asfissia

George Floyd è morto per asfissia e non per overdose di fentanyl, come sostenuto dall’avvocato dell’agente Derek Chauvin. Lo ha stabilito il medico Martin Tobin,…

9 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Nord, Kim avverte la popolazione: “Arriveranno tempi duri”

Kin Jong-Un, leader nordocerano, ha lanciato l’allarme alla sua popolazione dicendo di prepararsi ad un crisi difficili paragonando i tempi che verranno ad una terribile…

9 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia