Pil in calo del 2,4% rispetto al 2012 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Pil in calo del 2,4% rispetto al 2012

lavoro_impreseIl Pil e le componenti della domanda
In termini congiunturali, le importazioni di beni e servizi sono scese dell’1,6%, il totale delle risorse (PIL e importazioni di beni e servizi) dello 0,9%. Dal lato della domanda, sia la componente interna sia quella estera hanno registrato una flessione: gli investimenti fissi lordi sono diminuiti del 3,3%, i consumi finali nazionali dello 0,3% e le esportazioni dell’1,9%. Nell’ambito dei consumi finali, la spesa delle famiglie residenti è diminuita dello 0,5% mentre quella della PA e delle Istituzioni Sociali Private (ISP) è aumentata dello 0,1%. Alla contrazione degli investimenti hanno contribuito tutte le componenti, con una flessione dell’1,7% della spesa per macchine, attrezzature e altri prodotti, del 7,0% dei mezzi di trasporto e del 3,9% degli investimenti in costruzioni.
La spesa delle famiglie sul territorio nazionale ha registrato una contrazione in termini tendenziali del 3,4%: in particolare gli acquisti di beni durevoli sono diminuiti del 6,7%, quelli di beni non durevoli del 4,0% e le spese per servizi dell’1,7%. Gli investimenti fissi lordi hanno segnato nel complesso una diminuzione tendenziale del 7,5%. In particolare si registra una flessione del 7,3% della spesa in macchinari e altri prodotti, del 12,0% degli investimenti in mezzi di trasporto e del 7,0% degli investimenti in costruzioni.

L’andamento del PIL negli altri paesi
Nel primo trimestre, il PIL è aumentato in termini congiunturali dello 0,9% in Giappone, dello 0,6% negli Stati Uniti, dello 0,3% nel Regno Unito e dello 0,1% in Germania, mentre è diminuito dello 0,2% in Francia. In termini tendenziali, è aumentato dell’1,8% negli Stati Uniti e dello 0,6% nel Regno Unito, è rimasto invariato in Giappone, mentre è sceso dello 0,3% in Germania e dello 0,4% in Francia. Nel complesso, il PIL dei paesi dell’area Euro è diminuito dello 0,2% rispetto al trimestre precedente e dell’1,1% nel confronto con lo stesso trimestre del 2012.

Il valore aggiunto per settore
Nel primo trimestre si registrano variazioni congiunturali negative del valore aggiunto nei comparti delle costruzioni (-3,6%), delle attività del commercio, alberghi e pubblici esercizi, trasporti e comunicazioni (-1,1%), dell’industria in senso stretto (-0,7%), e degli altri servizi (-0,2%). Si registrano, invece, variazioni positive per l’agricoltura (+4,7%) e per il settore del credito, assicurazioni, attività immobiliari e servizi professionali (+0,1%).
In termini tendenziali, il valore aggiunto delle costruzioni è diminuito del 6,9%, quello dell’industria in senso stretto del 3,2% e quello dei servizi dell’1,4%, mentre quello dell’agricoltura è cresciuto dello 0,1%.

I prezzi impliciti
Rispetto al trimestre precedente, il deflatore del PIL è aumentato dello 0,4%. Il deflatore della spesa delle famiglie residenti è cresciuto dello 0,3% e quello degli investimenti dello 0,1%. Il deflatore delle esportazioni è aumentato dello 0,1%, mentre quello delle importazioni è diminuito dello 0,7%. In termini tendenziali, il deflatore del PIL è aumentato dell’1,7%, quello della spesa delle famiglie residenti del 2,1%.

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Oms: esperti internazionali presto in Cina

Il capo delle emergenze dell’Organizzazione mondiale della sanità, Mike Ryan, ha fatto sapere che gli esperti internazionali torneranno in Cina «il prima possibile» per continuare…

24 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Violenza sulle donne, da gennaio a ottobre in Italia ci sono stati 91 femminicidi

Violenza sulle donne, da gennaio a ottobre in Italia ci sono stati 91 femminicidi. A riferirlo è un rapporto dell’Eures, sottolineando che, nello stesso periodo…

24 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gualtieri: «Rinvio tasso per tutte le imprese con perdite»

«Il governo si appresta a varare grazie allo scostamento da 8 miliardi nuove misure a partire dal rinvio delle nuove scadenze tributarie per i settori…

24 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bankitalia: «La ripresa nel 2021 sarà più lenta del previsto»

«La ripresa nel 2021 sarà verosimilmente più lenta del previsto. Nel quarto trimestre 2020, è plausibile una flessione del Pil anche se più contenuta rispetto…

24 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia