Il centrodestra crolla anche in Sicilia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il centrodestra crolla anche in Sicilia

enzo_bianco_cataniaAltre elezioni amministrative altro tonfo del centrodestra. Dopo la giornata trionfale di lunedì per il centrosinistra, che conquista 11 capoluoghi di provincia su 11 dopo i ballottaggi, anche in Sicilia – roccaforte del Pdl – si prefigura un successo inconfutabile. Spesso c’è la tendenza ad attribuire alla bisogna – una volta tocca ai romani, un’altra ai siciliani – il voto locale quale specchio degli umori nazionali. I sondaggi al momento indicano una tendenza diversa, ma di certo il centrosinistra esce galvanizzato dall’ultima tornata elettorale (solo a Roma tutti i municipi sono andati al centrosinistra). Il verdetto della Sicilia non fa sconti e un po’ come il premier Enrico Letta, anche Rosario Crocetta può dirsi soddisfatto. Il Movimento 5 Stelle, invece, non conferma i risultati ottenuti in occasione del voto del 24 e 25 febbraio.
A Catania Enzo bianco è divenuto sindaco battendo con il 50,64% delle preferenze il sindaco pidiellino uscente Raffaele Stancanelli, fermo al 36,63% dei voti.
Situazione analoga a Messina dove Felice Calabrò, sempre del centrosinistra ha raccolto (a scrutinio parziale, mentre scriviamo) oltre il 50% contro il 20% di Renato Accorinti di Cambiamo Messina. Qui il centrodestra si è fermato al terzo posto.
A Ragusa il Pdl con il proprio candidato Franco Antoci si ferma al 15,05% e ai ballottaggi del 23 e 24 giugno si sfideranno Giovanni Cosentini del centrosinistra, con il 29,34%, e Federico Piccitto del Movimento 5 Stelle con il 15,64%.
Anche a Siracusa c’è aria di ballottaggio tra Giancarlo Garozzo del centrosinistra e Ezechia Paolo Reale del centrodestra sostenuto dalle liste civiche.
Il presidente della Regione Sicilia grida perciò alla vittoria: “Qualcuno avrebbe letto in una sconfitta del centrosinistra un verdetto per il mio governo, io dico allora che con questa vittoria sta proseguendo la nostra rivoluzione in Sicilia, una rivoluzione iniziata con il mio governo”.
“È ora di finirla – ha aggiunto Crocetta – con le polemiche tra Pd e Megafono. Chi le fa non capisce cosa sta avvenendo in questa regione. In soli sei mesi si è portata allo stesso livello di forze che esistono da decenni. Mi pare un risultato indiscutibile e di successo”.
“Gli elettori in queste elezioni hanno punito le scelte nazionali dei grillini”, è il parere di Crocetta. “Spero – ha tuttavia aggiunto – che nel Movimento si apra un dibattito e ci sia un avvicinamento di posizioni con il centrosinistra”.

 

Scrivi una replica

News

Vaccini, nel mondo somministrate 4,18 miliardi di dosi

Sono più di 4,18 miliardi le dosi di vaccino anti Covid-19 somministrate in tutto il mondo, con il nostro Paese al quarto posto per la…

2 Ago 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Strage di Bologna, Mattarella: «Colpo al cuore della Repubblica»

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione del 41° anniversario della strage di Bologna, ha rilasciato la seguente dichiarazione: «Quarantuno anni fa la città…

2 Ago 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Covid-19, Oms: superati i 60 milioni di contagi in Europa

Secondo le ultime stime dell’Organizzazione mondiale della sanità, in Europa i contagi da Covid-19 hanno superato quota 60 milioni. «La fine della pandemia non è…

2 Ago 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coldiretti: da maltempo danni per decine di milioni di euro

Sale a decine di milioni di euro il conto dei danni nelle campagne in una pazza estate l’ultima perturbazione che ha investito a macchia di…

2 Ago 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia