Mai così male i consumi delle famiglie | T-Mag | il magazine di Tecnè

Mai così male i consumi delle famiglie

carlo_sangalliLe famiglie italiane tornano a consumare come erano solite fare nel 2000. Il crollo dei consumi, infatti, è frutto del calo vertiginoso del potere d’acquisto delle famiglie italiane e che, secondo lo studio della Confcommercio, potrà essere recuperato definitivamente solo nel 2036.
“A causa della crisi – afferma una ricerca Confcommercio-Cer presentata in occasione dell’assemblea dell’organizzazione – ogni famiglia italiana ha registrato, in media, una riduzione del proprio potere d’acquisto di oltre 3.400 euro. La dimensione raggiunta dalla caduta dei redditi è tale che, se pure si riuscisse a tornare alle dinamiche di crescita pre-crisi, bisognerebbe comunque aspettare fino al 2036 per recuperare il potere d’acquisto perduto”.
Insomma, non sarà un processo a breve termine. Occorre quindi “agire tempestivamente” per tornare a far crescere l’economia, compito, quest’ultimo, che spetta in parte al governo italiano e in parte all’Unione europea.
Bruxelles, sostiene Confcommercio, deve capire che “non c’è contrasto della recessione e impegno per l’occupazione senza una più robusta domanda interna”.
Roma, da parte sua, ha molto altro da fare: togliere l’Imu alle imprese, ad esempio.
L’Imu, ribadiscono da Confcommercio, deve essere tolta: “Ora bisogna proseguire con un’organica revisione della tassazione degli immobili”. La revisione deve però tener conto di molti aspetti: dare “solide fondamenta alla finanza comunale”, ma che prenda atto “dell’insostenibilità dell’attuale carico sugli immobili strumentali delle imprese, compresi negozi e alberghi, per i quali va consentita la deducibilità del reddito d’impresa e anche dell’Irap”.
C’è poi (questa è la richiesta più insistente di Confcommercio) da “scongiurare” l’aumento dell’Iva di un punto percentuale. “L’impatto di questo aumento sui consumi, sulla crescita, sull’occupazione sarebbe – spiega Sangalli – benzina sul fuoco della recessione”. Insomma, un eventuale incremento dell’imposta non farebbe altro che peggiorare la situazione già grave di suo. Ma il governo non si sbilancia e direttamente dal palco dove pochi minuti prima Carlo Sangalli aveva chiesto di non aumentare l’Iva, il ministro dello Sviluppo economico Flavio Zanonato ammette: “Vorrei essere qua per dire che non la aumenteremo ma non è che non voglio, ma non lo posso al momento fare”.

 

Scrivi una replica

News

Speranza: «Dal 16 maggio stop quarantena Paesi Eu e voli Covid tested anche per aeroporti di Venezia e Napoli»

«Il Ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato un’ordinanza che prevede l’ingresso dai Paesi dell’Unione Europea e dell’area Schengen, oltre che da Gran Bretagna e…

14 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Giappone: stato d’emergenza in altre tre prefetture

Altre tre prefetture del Giappone si preparano a dichiarare lo stato di emergenza anti-Covid per far fronte ad aumento dei casi di coronavirus locali.  Hokkaido,…

14 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gaza, 119 le vittime da inizio scontri

Da inizio scontri, il ministero della sanità di Gaza, hanno registrato 119 vittime, tra i quali 31 bambini e 19 donne.…

14 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Afghanistan, Stati Uniti completano ritiro dei soldati da base Kandahar

Gli Stati Uniti hanno completato il ritiro delle truppe dall’aeroporto di Kandahar, nel sud dell’Afghanistan, la seconda più grande base militare nel Paese per le…

14 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia