Istat, esportazioni verso paesi extra-Ue in calo del 2% | T-Mag | il magazine di Tecnè

Istat, esportazioni verso paesi extra-Ue in calo del 2%

“Rispetto al mese precedente, a luglio 2013 le esportazioni verso i paesi extra-Ue diminuiscono del 2,0%, mentre le importazioni crescono dell’1,6%.
La flessione congiunturale dell’export è più intensa per i beni di consumo durevoli (-7,4%) e i prodotti intermedi (-3,8%), mentre l’energia registra un notevole incremento (+19,7%). Dal lato dell’import la crescita congiunturale riguarda i beni di consumo (+3,5%) e l’energia (+3,1%); gli altri principali raggruppamenti di beni sono in calo.
Nell’ultimo trimestre la crescita congiunturale delle esportazioni (+1,3%) è determinata dai beni strumentali (+6,3%) e dai beni di consumo (+1,7%) mentre i prodotti intermedi (-5,0%) registrano un forte calo. Nello stesso periodo, l’incremento congiunturale degli acquisti dall’estero (+0,2%) interessa soprattutto i beni strumentali (+5,1%) e l’energia (+2,1%), mentre i prodotti intermedi (-4,3%) e i beni di consumo non durevoli (-1,1%) diminuiscono.
Rispetto allo stesso mese del 2012, a luglio 2013 le esportazioni aumentano (+3,5%) e le importazioni flettono (-1,9%). Tuttavia, se si tiene conto dei giorni lavorativi, che a luglio 2013 sono stati 23 rispetto ai 22 di luglio 2012, entrambi i flussi diminuiscono su base annua, in misura più marcata per le importazioni (-5,2%) che per le esportazioni (-0,7%).
Nel periodo gennaio-luglio 2013 la crescita tendenziale delle esportazioni (+3,2%) interessa tutti i principali raggruppamenti di beni, salvo l’energia (-12,9%) e i prodotti intermedi (-0,7%). Nello stesso periodo le importazioni registrano una diffusa flessione tendenziale (-10,0%), particolarmente significativa per l’energia (-17,9%).
A luglio 2013, il surplus commerciale con i paesi extra Ue è pari a +2,8 miliardi di euro, in espansione rispetto all’avanzo di 1,9 miliardi dello stesso mese del 2012. Nel periodo gennaio-luglio 2013 il saldo commerciale con i paesi extra Ue è pari a +10,5 miliardi a fronte di un disavanzo di 3,6 miliardi nello stesso periodo del 2012.
I mercati più dinamici all’export sono: Cina (+23,4%) e Russia (+17,2%). Svizzera (-9,5%) e Turchia (-7,8%) sono invece in marcata flessione.
La diminuzione delle importazioni è particolarmente rilevante dai paesi OPEC (-27,9%) e dai paesi EDA (-10,0%)”, lo riporta Istat in un comunicato stampa.

 

Scrivi una replica

News

Commissione Ue: “Nel 2021 salirà ancora il debito pubblico italiano, ma calerà nel 2022”

Il debito pubblico italiano continua a salire nel 2021 “a causa del protrarsi del sostegno pubblico all’economia, ma poi comincerà a scendere dal 2022”. Lo ha…

12 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gaza, 53 morti per raid israeliani

Si continua ad aggravare il bilancio dei palestinesi rimasti uccisi a Gaza dopo i ripetuti attacchi israeliani, che hanno provocato fin qui 53 morti. Tra…

12 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Commissione Ue: “Pil Italia in rialzo nel 2021 del 4,2%”

“Le vaccinazioni e l’allentamento delle restrizioni stanno aprendo la strada alla forte ripresa dell’economia italiana nella seconda metà del 2021. Gli investimenti sostenuti dall’Ue dovrebbero portare…

12 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gaza, razzo anticarro palestinese centra veicolo israeliano

Un razzo anticarro sparato da Gaza ha centrato un veicolo israeliano che si trovava nei pressi della linea di demarcazione. Lo ha reso noto il…

12 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia