In calo le retribuzioni e inflazione ai minimi dal 2009 | T-Mag | il magazine di Tecnè

In calo le retribuzioni e inflazione ai minimi dal 2009

lavoro_imprese-1024x683A luglio 2013, secondo quanto rilevato da Istat, l’indice destagionalizzato dell’occupazione nelle grandi imprese diminuisce, rispetto a giugno, dello 0,1% al lordo dei dipendenti in cassa integrazione guadagni (Cig) e aumenta dello 0,1% al netto degli occupati in Cig.
Nel confronto con luglio 2012 l’indice grezzo dell’occupazione nelle grandi imprese diminuisce dell’1,5% al lordo e dell’1,1% al netto dei dipendenti in Cig.
Al netto degli effetti di calendario, il numero di ore lavorate per dipendente (al netto di quelli in Cig) diminuisce, rispetto a luglio 2012, dello 0,4%.
L’incidenza delle ore di cassa integrazione guadagni utilizzate è pari a 32,8 ore ogni mille ore lavorate, in riduzione di 4,8 ore ogni mille rispetto a luglio 2012.
A luglio la retribuzione lorda per ora lavorata (dati destagionalizzati) registra un incremento dello 0,6% rispetto al mese precedente. In termini tendenziali l’indice grezzo diminuisce dell’1,9%.
Rispetto a luglio 2012 la retribuzione lorda e il costo del lavoro per dipendente (al netto di quelli in Cig) registrano rispettivamente un aumento dello 0,4% e dello 0,5%.
Considerando la sola componente continuativa, la retribuzione lorda per dipendente aumenta, rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, dell’1,8%.
Sul fronte dei consumi l’Istat ha diffuso i dati provvisori, secondo i quali nel mese di agosto 2013 l’indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali aumenta dello 0,2% rispetto al mese precedente e diminuisce del 2,0% nei confronti di agosto 2012.
I prezzi dei prodotti venduti sul mercato interno crescono dello 0,2% rispetto a luglio mentre diminuiscono del 2,3% su base tendenziale. La flessione e’ imputabile al comparto energetico, al netto del quale si registra un aumento dello 0,1% sia sul mese precedente sia in termini tendenziali.
I prezzi dei beni venduti sul mercato estero segnano una variazione nulla sul mese precedente (-0,1% per l’area euro e +0,1% per l’area non euro). In termini tendenziali si registra una diminuzione dello 0,8% (-1,0% per l’area euro e -0,7% per quella non euro).
Riguardo ai contributi settoriali alla dinamica tendenziale dell’indice generale, per il mercato interno quello più rilevante deriva dal comparto energetico (-2,4 punti percentuali). Sul mercato estero i contributi più ampi provengono dai beni intermedi per l’area euro (-0,9 punti percentuali) e dall’energia per quella non euro (-0,7 punti percentuali).
Il settore di attività economica per il quale si rileva la diminuzione tendenziale più marcata dei prezzi è quello della fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (-5,7% per il mercato interno e -10,4% per quello estero).

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Domani riunione del Consiglio di sicurezza dell’Onu su Mo

 Si terrà domani alle 14 GMT (le 16 in Italia) una riunione virtuale del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sul conflitto in corso tra…

14 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Giappone: “Stato d’emergenza in altre 3 prefetture”

Altre tre prefetture del Giappone si preparano a dichiarare lo stato di emergenza anti-Covid per far fronte ad aumento dei casi di coronavirus locali.  Hokkaido,…

14 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gaza, 119 le vittime da inizio scontri

Da inizio scontri, il ministero della sanità di Gaza, hanno registrato 119 vittime, tra i quali 31 bambini e 19 donne.…

14 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Afghanistan, Stati Uniti completano ritiro dei soldati da base kandahar

Gli Stati Uniti hanno completato il ritiro delle truppe dall’aeroporto di Kandahar, nel sud dell’Afghanistan, la seconda più grande base militare nel Paese per le…

14 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia