Iva, Cgia Mestre: “Con aumento verrà penalizzato il Made in Italy” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Iva, Cgia Mestre: “Con aumento verrà penalizzato il Made in Italy”

“Il rinvio dell’aumento dell’Iva è saltato. Le indiscrezioni di venerdì pomeriggio che davano quasi per certo l’aumento di un punto percentuale dell’Iva a gennaio sono state disattese a causa delle turbolenze all’interno del Governo. La bozza di decreto era già pronta per essere approvata dal Consiglio dei Ministri di venerdì sera, 27 settembre, ma è stato tutto rinviato in virtù di un “chiarimento politico” che il premier Enrico Letta chiederà alle Camere fra lunedì 30 e martedì 1 ottobre.
Dopo l’enpasse di venerdì sera la situazione politica ha visto un notevole peggioramento con le dimissioni di cinque ministri del Pdl e la conseguente apertura della crisi di governo. Unica certezza è il blocco dell’approvazione di qualsiasi provvedimento, a partire da quelli economici. Il caso nasce dall’escalation del muro contro muro che oppone i due principali partiti di maggioranza sulla decadenza da senatore di Berlusconi dopo la condanna definitiva in Cassazione del luglio scorso sul processo Mediaset.
Sull’onda di questa grave crisi politica sembra quasi impossibile che ci siano margini per evitare l’aumento Iva dal primo ottobre. Per scongiurare l’aumento, il governo dovrebbe essere in grado di votare il decreto entro la sera di lunedì 30, il presidente della Repubblica dovrebbe firmare subito e la pubblicazione in Gazzetta Uffciale dovrebbe essere praticamente immediata. Tempistiche quasi impossibili da rispettare, per di più in un contesto politico tutt’altro che semplice.
Un altro bel regalo agli Italiani, gentilmente offerto la crisi di Governo, è il rischio di dover tornare a pagare l’Imu in quanto devono ancora essere definire le risorse per la copertura dell’abolizione di dicembre”, così la Cgia di Mestre in una nota.

 

Scrivi una replica

News

Von der Leyen: «Russia deve pagare per i crimini di guerra»

«La Russia deve pagare per i suoi crimini orribili. Collaboreremo con la Corte penale internazionale e contribuiremo alla creazione di un tribunale specializzato per giudicare…

30 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Clima, accordo Ue: dal 2026 emissioni navi pacchetto Ets

I rappresentanti delle istituzioni Ue hanno raggiunto l’intesa per includere le emissioni del settore marittimo nel mercato Ue della CO2 (Ets). «Si tratta di un…

30 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Pensioni, Inarcassa: «Nel 2023 previsto avanzo da 646 milioni»

«Le previsioni del Budget 2023, approvato dal Comitato nazionale dei delegati di Inarcassa, la Cassa previdenziale degli architetti e degli ingegneri, stimano per il prossimo…

30 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inail: «Nei primi dieci mesi del 2022 909 denunce di morti sul lavoro: in calo del 10,6%»

Le denunce di infortunio sul lavoro presentate tra gennaio e ottobre sono state 595.569 (+32,9% rispetto allo stesso periodo del 2021), 909 delle quali con…

30 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia