La demografia delle imprese | T-Mag | il magazine di Tecnè

La demografia delle imprese

impreseSono circa 265 mila le imprese nate nel 2011. Il tasso di natalità si attesta al 6,7%, invariato rispetto al 2010.
Rispetto al 2010 un calo della natalità interessa il solo macro-settore delle Costruzioni (il tasso passa dall’8,1 al 7,1%). Nel Commercio e negli Altri Servizi la natalità è invece in leggero aumento (passando, rispettivamente, dal 6,1 al 6,3% e dal 6,9 al 7,2%).
Al calo della natalità d’impresa (-0,1 punti percentuali) registrato nel Nord-ovest, nel Centro e nel Nord-est, si contrappone una crescita di 0,4 punti percentuali del Sud e Isole (dal 7,5 al 7,9%).
In controtendenza rispetto al 2010 diminuisce la natalità delle imprese con dipendenti e cresce la natalità delle imprese senza dipendenti.
Il tasso di mortalità totale delle imprese è in leggera diminuzione, dal 7,8% nel 2010 al 7,7% nel 2011. E’ il comparto degli Altri Servizi a presentare la riduzione più accentuata (dal 7,5 al 7,2%). Nelle Costruzioni il tasso di mortalità cala in misura ridotta, dal 9,8 al 9,7%, mentre per l’Industria in senso stretto si registra un incremento, dal 6,1% del 2010 al 6,4% del 2011.
Per il quarto anno consecutivo il tasso netto di turnover presenta un valore negativo (-1,0% rispetto al -1,1 del 2010). Nel dettaglio dei comparti, le Costruzioni presentano un calo più accentuato (dal -1,7% del 2010 al -2,6% del 2011).
Il comparto degli Altri Servizi, che aveva registrato nel 2010 un turnover negativo (-0,6%), è l’unico a presentare un turnover pressoché nullo.
Nel 2011 cala la percentuale di imprese che sopravvivono a un anno dalla nascita. Infatti è ancora in attività l’83,1% delle imprese nate nell’anno precedente, mentre nel 2010 ne sopravvivevano l’85,8%.
Nel comparto dell’Industria in senso stretto si registra un leggero aumento del tasso di sopravvivenza ad un anno (dall’87,4% all’88,4%). Tale aumento non compensa il calo del tasso nelle Costruzioni (dall’81,3% al 79,9%) e in particolar modo negli Altri Servizi, che passa dall’88,3% all’82,7% (-5,6 punti percentuali).
La dimensione media delle imprese nate nel 2010 e ancora attive a un anno dalla nascita è aumentata tra il 2010 e il 2011, passando da 1,4 a 2,2 addetti medi.
Le imprese nate nel 2010 e ancora attive nel 2011 presentano un guadagno occupazionale pari al 28,3%.
Tutti i macro-settori di attività economica mostrano un guadagno occupazionale rispetto all’anno di nascita che va dal 21,0% delle Costruzioni e del Commercio, al 59,4% dell’Industria in senso stretto.

(fonte:Istat)

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 41,8 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 41.809.596. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, oltre cento accademici hanno chiesto misure restrittive più drastiche al governo

Oltre cento scienziati e docenti universitari hanno scritto un appello al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e a quello del Consiglio, Giuseppe Conte. Nella lettera,…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

«Negli Stati Uniti, con il coronavirus persi 2,5 milioni di anni di potenziale vita umana»

Circa 2,5 milioni di anni di potenziale vita umana. A tanto ammonta il “costo” del coronavirus negli Stati Uniti. La stima è contenuta in uno…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito e Giappone firmano accordo commerciale

È stato siglato oggi il primo accordo commerciale post-Brexit per il Regno Unito. Si tratta dell’intesa con il Giappone (firma avvenuta a Tokyo, presente per…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia