L’austerità degli italiani a rischio povertà | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’austerità degli italiani a rischio povertà

poverta_crisiAd oggi, una famiglia su dieci (due milioni in totale) non ha a disposizione un reddito a sufficienza per procurarsi l’indispensabile per vivere. E così il 37% degli italiani è stato costretto a chiedere aiuto economico per arrivare alla fine del mese ai genitori, il 14% a parenti e il 4% addirittura ai figli. Solo il 14% si è rivolto a finanziarie o banche mentre l’8% agli amici. Questo quanto emerge dall’indagine su La percezione della crisi e il Made in Italy, realizzata da Coldiretti-Ixe e presentata nella giornata di venerdì al Forum dell’agricoltura e dell’alimentazione a Cernobbio.
Leggendo i dati contenuti nello studio, si scopre che il 45% delle famiglie riesce a pagare appena le spese essenziali senza permettersi ulteriori lussi. E ancora: oltre due italiani su tre (ovvero ben il 68% del totale) hanno ridotto la spesa o rimandato l’acquisto di capi d’abbigliamento nel cambio stagione autunnale. Oltre la metà dei nostri connazionali (il 53%, ad essere precisi) ha rinunciato a viaggi e vacanze e ai beni tecnologici (52%). Ma il dramma vero è quello che viene evidenziato nell’altro dossier presentato su Le nuove povertà: “Salgono alla cifra record di 4.068.250 i poveri che nel 2013 in Italia sono stati addirittura costretti a chiedere aiuto per il cibo da mangiare, con un aumento del 10% sullo scorso anno e del 47% rispetto al 2010, ovvero ben 1.304.871 persone in più negli ultimi tre anni”. A causa della crisi, afferma la Coldiretti, “si sta registrando un aumento esponenziale degli italiani senza risorse sufficienti neanche a sfamarsi: erano 2,7 milioni nel 2010, sono saliti a 3,3 milioni nel 2011 ed hanno raggiunto i 3,7 milioni nel 2012”.
Più in generale il 14% degli intervistati ha dichiarato di aver deciso di ridurre il budget a disposizione per le spese alimentari. Aumentano perciò del 47% gli acquisti di cibo low cost. Mentre il 71% ha dichiarato di confrontare con più attenzione rispetto al passato i prezzi, il 62% va a caccia delle offerte speciali 3 per 2 e degli sconti e il 42% cerca sempre e comunque i prodotti che costano meno.
Circa la metà (il 49%, per l’esattezza) ha dichiarato di aver detto addio alla frequentazione – nel tempo libero – di bar, discoteche o ristoranti. Il 42% ha rinunciato alla ristrutturazione della casa o all’acquisto di nuovi mobili (il 37%). Il 40% ha preferito non acquistare un’automobile o una moto nuova. Infine: la crisi economica costringe gli italiani a dire addio anche alle attività culturali (35%) e alle attività sportive (29%).

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 41,3 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 41.341.755. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

22 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ambiente, nel 2019 l’inquinamento atmosferico ha ucciso 6,7 milioni di persone

Nel 2019, l’inquinamento atmosferico ha causato la morte di 6,7 milioni di persone in tutto il mondo, rendendolo la quarta causa di morte dietro l’ipertensione,…

22 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conti pubblici, nel secondo trimestre il debito pubblico italiano ha raggiunto il 149,4% del Pil

Nel secondo trimestre del 2020, il debito pubblico italiano ha raggiunto il 149,4% del Prodotto interno lordo – è il secondo più alto nell’Ue, dopo…

22 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, il Premio Sakharov è stato assegnato all’opposizione bielorussa

Il Parlamento europeo ha assegnato all’opposizione bielorussa il Premio Sakharov, che viene conferito a individui e gruppi che difendono i diritti umani e le libertà…

22 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia