Italiani più tranquilli se riescono a risparmiare | T-Mag | il magazine di Tecnè

Italiani più tranquilli se riescono a risparmiare

risparmioDa alcuni anni è ormai maggioritario nel Paese l’atteggiamento di chi non vive tranquillo se non mette da parte dei risparmi: quindi oggi solo poco più di un quarto dei cittadini sembra dormire sonni tranquilli se non riesce a risparmiare. La crisi pare aver mostrato agli italiani che avere delle risorse da parte è assai importante per affrontare la vita con minore preoccupazione, se non con serenità, sia a livello individuale che a livello Paese. E’ quanto emerge dal rapporto stilato da Ipsos e Acri (associazione delle Casse di risparmio e delle Fondazioni di origine bancaria) per l’89esima giornata del risparmio.
Dallo studio emerge che poco meno di tre italiani su quattro pensano che per tornare ai livelli pre-crisi servano almeno tre o quattro anni. Rispetto al 2009, anno in cui la crisi si è pienamente affermata, si è dimezzato il dato relativo a chi associa il risparmio all’economia finanziaria: si è passato infatti dal 29% al 14%. In parallelo sono cresciuti invece coloro che associano il risparmio all’economia reale, passando dal 60% all’82%.
Il 61% degli italiani, spiega il Rapporto, è convinto che il risparmio sia alla base della ripartenza delle assunzioni da parte delle imprese, il 46% lo ritiene necessario per consentire alle imprese di investire su ricerca e innovazione, mentre il 42% lo ritiene fondamentale per finanziare le imprese in generale. Proprio per questo le banche rifletterebbero il ruolo di intermediario tra il risparmio dei privati e il finanziamento alle imprese.
A tale proposito risulta in crescita il dato relativo agli italiani che vorrebbero vedere investire i propri risparmi per lo sviluppo del Paese: dal 28% del 2009 si è passato al 41% del 2013. Il 29% desidera che i propri risparmi vengano investiti sui territori.
Oltre la metà del campione, 53%, pensa tuttavia che le famiglie risparmino ancora poco, mentre solo il 34% ritiene che risparmino il giusto; il 10% che risparmino tanto o troppo.
Il 45% degli italiani non vive tranquillo se nn mette risparmi da parte mentre il 43% dichiara di risparmiare solo nel caso in cui non comporti troppe rinunce. Dato positivo, sebbene basso, è quello relativo a quanti nel corso degli ultimi dodici mesi dono riusciti a mettere da parte qualche risparmio:: una percentuale questa passata dal 28% del 2012 al 29% dell’anno in corso. Rimangono ferme invece al 40% e famiglie che spendono tutto quello che guadagnano senza riuscire a risparmiare. Il 43% delle famiglie si sente invece in crisi di risparmio, un dato in crescita rispetto al 37% di due anni prima.
“Questo dato – si legge nel Rapporto – è compatibile con il fatto che le famiglie colpite direttamente dalla crisi, ossia nei percettori di reddito del nucleo familiare, sono il 30%, con un incremento di quattro punti percentuali rispetto al 2012 (erano il 26%).
Sono il 26%, percentuale uguale a quella del 2012, le famiglie che segnalano un serio peggioramento del proprio tenore di vita (erano il 21% nel 2011 e il 18% nel 2010), mentre quasi la metà degli intervistati (il 47%, erano il 46% nel 2012) dichiara di avere difficoltà a mantenere il proprio tenore di vita”.
“Il 25% – continua l’Acri – (come nel 2012) pensa di poterlo mantenere con facilità e solo il 2%, cioè un italiano su 50, dichiara di aver sperimentato un miglioramento del proprio tenore di vita nel corso degli ultimi dodici mesi: nel 2010 erano il 6%, nel 2011 il 5%, nel 2012 il 3%. A fronte di oltre 40 milioni di italiani che registrano un peggioramneto della propria situazione economica, circa un milione di italiani sta meglio di prima”.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Gentiloni: «Nel quarto trimestre, ci sarà un significativo rallentamento dell’economia»

Le misure restrittive introdotte per contenere la diffusione del coronavirus «sono sfortunatamente necessarie ancora una volta per appiattire la curva» dei contagi anche se probabilmente…

27 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Ecdc: in Belgio più alto tasso di contagi

Secondo quanto calcolato dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc), è il Belgio il paese ad avere ora il più…

27 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Spagna, sciopero di 24 ore dei medici

La situazione legata alla gestione della pandemia in Spagna non registra ancora miglioramenti e i medici spagnoli hanno indetto uno sciopero di 24 ore per…

27 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, confermata dal Senato la nomina di Barrett alla Corte Suprema

Il Senato ha confermato la nomina della giudice Amy Coney Barrett alla Corte Suprema (Barrett ha giurato nella notte). Un via libera che ora porta…

27 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia