L’Italia è il secondo Paese più anziano d’Europa | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’Italia è il secondo Paese più anziano d’Europa

anziani_pensioniL’Italia è il Paese più anziano d’Europa, secondo solo alla Germania. Rispettivamente infatti, spiega l’Istat nel Rapporto Noi Italia – 100 statistiche per capire il Paese in cui viviamo, i due Paesi presentano 148,6 e 155,8 anziani ogni cento giovani.
Guardando al dettaglio, è la Liguria la regione con l’incidenza di anzianità più alta, con 236,2 anziani ogni cento giovani. La Campania è invece la Regione più giovane.
“Nel 2012 l’indice di dipendenza – spiega l’Istat -, che misura il carico demografico sulla popolazione in età attiva, raggiunge il 53,5 per cento”. Il valore più basso è stato registrato nel Mezzogiorno, con il 50,1 per cento, mentre quello più alto nell’area del Nord-ovest, con il 55,9 per cento. La regione che presenta l’indice più alto è la Liguria, con il 63,6 per cento. Quello con l’indice più basso è invece la Sardegna, con il 47,9 per cento.
“Nel contesto europeo – si legge ancora – l’Italia si posiziona al quarto posto. Con un valore negativo del tasso di crescita naturale, l’Italia si pone agli ultimi posti in ambito europeo, vicino a Grecia e Portogallo; viceversa, la crescita migratoria conferma l’Italia tra i paesi con maggiore forza attrattiva”.
Guardando alle differenze di genere risulta che la vita media delle donne è di 84 anni e mezzo e quella degli uomini supera di poco i 79 anni, risultando tra le più lunghe dell’Unione europea.
Rimanendo sempre nel contesto europeo l’Italia si colloca tra i paesi con più bassa fecondità, con 1,42 figli per donna secondo. Continua a cresce l’età media al parto che arriva a 31,4 anni.
Nel 2012 sono stati celebrati 3,5 matrimoni ogni mille abitanti. Nel Mezzogiorno ci si sposa di più che nel Centro-Nord con il 4,1 contro il 3,2 per mille. Per le unioni con rito civile la quota maggiore è quella registrata nel Nord-est che presenta un dato del 53,5%.
Dopo l’Irlanda e Malta, il nostro Paese è quello con la più bassa incidenza di divorzi in Europa: nel 2011 il dato si attestava infatti a 0,9 ogni mille abitanti. Tuttavia, si riscontra una tendenza di crescita per quanto riguarda lo scioglimento per via legale delle unioni. Tra il 2000 e il 2011 infatti le separazioni sono aumentate del 23,4% e i divorzi del 43,2%.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, in Italia nelle ultime 24 ore registrati 1.912 nuovi casi

Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 1.912 casi positivi, il numero giornaliero più alto dalla fine del lockdown. Lo ha reso noto il ministero…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Prometeia prevede un calo del 9,6% per il Pil italiano nel 2020

Il centro studi Prometeia ha aggiornato le stime sull’economia italiana nel 2020 e nel 2021, indicando un calo del PIL del 9,6% quest’anno e una…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, attacco presso l’ex sede di Charlie Hebdo: quattro persone ferite

Un attacco a Parigi nella tarda mattinata di oggi, nei pressi dell’ex sede di Charlie Hebdo, che nel gennaio 2015 fu teatro della strage compiuta…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Fratelli d’Italia, Raffaele Fitto positivo al coronavirus

Il candidato del centrodestra alla presidenza della Regione Puglia ha annunciato su Facebook di essere risultato positivo al tampone per il coronavirus. Positiva anche la…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia