GIi squilibri economici eccessivi dell’Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

GIi squilibri economici eccessivi dell’Italia

EU wins Nobel Peace Prize for advancement of democracyLa Commissione Ue mette in guardia l’Italia: gli “squilibri macroeconomici (debito alto, scarsa competitività, aggiustamento strutturale insufficiente, ndr) sono eccessivi”. Mentre l’invito, questa volta rivolto dal commissario agli Affari economici Olli Rehn, è sempre lo stesso: “affrontare gli squilibri, che richiedono urgenti politiche e realizzare le riforme per rafforzare crescita e occupazione”. Qualora l’Italia non dovesse adempiere ai propri compiti, adottando “misure adeguate” e mancando “ripetutamente” l’impegno a definire un piano di correzione “sufficiente” rischierebbe una sanzione finanziaria fino allo 0,1% del Pil (circa 1,5 miliardi di euro).
Il nostro Paese ha urgente bisogno di “surplus primari molto alti e al di sopra dei livelli storici” oltreché “di una crescita robusta del Pil per un periodo prolungato”. Appare quindi insufficiente l’incremento dello 0,1% registrato nel IV trimestre e certificato dall’Eurostat, secondo cui crescono anche l’Eurozona (+0,3%) e l’Ue a 28 (+1,1% su base annua).
Passaggi necessari per “ridurre il rischio di effetti avversi sul funzionamento dell’economia italiana”, che in virtù della propria “dimensione” potrebbe danneggiare – a sua volta – anche “la zona euro”. “Nel 2013 – conclude la Commissione – l’Italia ha fatto progressi verso il raggiungimento dell’obiettivo di medio termine (MTO), ma ciononostante l’aggiustamento strutturale per il 2014 appare insufficiente vista la necessità di ridurre il debito ad un passo adeguato”.
In attesa delle riforme richieste, la Commissione europea ha declassato l’Italia, inserendola – insieme a Croazia e Slovenia – nell’elenco di quei Paesi i cui squilibri vengono definiti “eccessivi” e che pertanto meritano di essere sottoposti ad una stretta sorveglianza da parte della Commissione, a cui spetterà il compito di riferire gli eventuali progressi all’Eurogruppo e al Consiglio europeo.
E gli altri come se la passano? Leggermente meglio, sembrerebbe. In dieci Paesi (Belgio, Bulgaria, Germania, Irlanda, Spagna, Francia, Ungheria, Olanda, Svezia, Finlandia, Regno Unito) gli squilibri macroeconomici non destano grandi preoccupazione e possono essere considerati sotto controllo.
Anche se la Commissione Ue non ha esitato a ‘bacchettare’ Francia e Germania. I primi perché poco competitivi e per il persistente calo dell’export, ma anche per l’elevato costo del lavoro (34 euro/ora, ndr) e il target di riduzione del deficit che non verrà rispettato. Berlino è stata invece ‘rimproverata’ per un surplus troppo alto nella bilancia commerciale tra import ed export (a dicembre e secondo l’ufficio di statistica Destatis, si è attestato a 18,5 miliardi di euro, risultando superiore alle attese degli economisti che avevano previsto un avanzo a 17,3 miliardi). Un appunto inevitabile, perché tale surplus è sintomo di un’alta competitività, ma certifica una scarsa domanda interna e una distribuzione delle risorse economiche inadeguata.
Poche (tre, per la precisione) sono le economie che – a detta di Bruxelles – non hanno squilibri: Danimarca, Lussemburgo e Malta. Un’ultimo inciso: i Paesi sotto programma aiuti (Portogallo, Cipro, Grecia e Romania) non sono stati presi in considerazione nel corso di questa analisi.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, quarantena e tampone obbligatori per chi viene in Italia dal Regno Unito

Quarantena obbligatoria di 5 giorni con obbligo di tampone per chi arriva in Italia dal Regno Unito. Lo prevede un’ordinanza firmata dal ministro della Salute,…

18 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Spagna, dal 26 giugno via obbligo mascherine all’aperto

Anche la Spagna, come la Francia alcuni giorni fa, ha annunciato che a breve toglierà l’obbligo di mascherina all’aperto. A riferirlo il premier Pedro Sanchez,…

18 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, Trump: «Deciderò se ricandidarmi dopo elezioni midterm»

L’ex presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, è tornato a parlare non escludendo una sua ricandidatura nel 2024, ipotesi di cui si discute da tempo.…

18 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Novara, sindacalista muore investito da un camion durante una manifestazione

Adil Belakhdim, 37 anni, coordinatore interregionale dei SiCobas, è morto questa mattina investito da un camion. L’episodio è avvenuto davanti ai cancelli della Lidl di…

18 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia