Le abitudini (economiche) dei single | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le abitudini (economiche) dei single

singleMolto spesso si parla dell’impatto che la crisi economica ha avuto sulle famiglie italiane, delle loro prospettive per il futuro e di come il periodo che l’Italia sta attraversando abbia mutato le loro abitudini in fatto di spese e di consumi. Eppure, anche a causa della crisi finanziaria, l’Italia sta assistendo ad un indebolimento del tradizionale sistema “famiglia” composto da madre, padre e figli. Secondo il Censis infatti nel giro di dieci anni il numero degli italiani con più di 15 anni che vive da solo è cresciuto del 39%. Nel 2011 erano sette milioni i single, il 13,6% della popolazione dai 15 anni in su. Di questi, circa due milioni hanno tra i 15 ed i 45 anni, 1,5 milioni hanno tra i 45 ed i 64 anni e 3,3 milioni sono anziani over 65.
Come spiega l’Eurispes nel Rapporto Italia 2014 “la vita del singolo individuo che deve provvedere autonomamente a tutte quelle spese e necessità che si presentano giorno dopo giorno, è certamente diversa”.
Dal sondaggio condotto insieme alla rivista Focus, in collaborazione con Dacia, è emerso innanzi tutto che dei 2.696 lettori intervistati il 28% è single e che il 50,5% di essi lascia influenzare le scelte di acquisto soprattutto dal fattore economico. Il 41,1% si lascia invece influenzare soprattutto dalla qualità ma, nell’88,7% dei casi si cerca comunque un compromesso tra i due fattori.
La spesa dei single è “spesso” caratterizzata, nel 46,7% dei casi, da un confronto tra le varie marche. Una pratica applicata “sempre” nel 28% dei casi. Ben il 77,8% si informa attentamente sulle caratteristiche del prodotto da acquistare, il 43,1% dichiara di chiedere “qualche volta” informazioni ad altri consumatori, il 40,7% “spesso” e l’1,2% “sempre”.
Nella maggior parte dei casi i single risultano fedeli a negozi o prodotti: il 52,4% dichiara infatti di acquistare spesso le stesse marche (questo perché il 47,7% considera la marca una garanzia) mentre il 51,5% spiega di recarsi più volte nello stesso punto vendita. Tuttavia il 40,1% del campione ammette di rimanere affascinato dalle novità.
Per il 63,9% dei single il prezzo di un servizio o di un bene è in grado di influenzare “abbastanza” la propensione all’acquisto (per il 28,2% “molto”). Oltre la metà dei single intervistati (il 52,2%) ha cambiato “abbastanza” i propri comportamenti d’acquisto rispetto al passato. Dai numeri pubblicati sul Rapporto Italia 2014 emergono infatti una maggiore attenzione alle offerte e agli sconti (nel 92,3% dei casi) e una più ampia ricerca di informazioni per verificare la qualità dei prodotti prima di procede all’acquisto (nell’80,7% dei casi). Solo il 27,6% dichiara di prediligere i prodotti di marca, contro il 72,4% che dichiara di non farlo e il 58,6% dichiara di comprare più frequentemente prodotti non di marca.
Il 43,5% dei single preferisce indirizzare maggiore attenzione alla qualità dei prodotti alimentari, il 26% a quelli tecnologici e il 16,3% all’abbigliamento. I prodotti sui quali i single non guardano al risparmio sono i farmaci (per niente il 43,7%), i prodotti alimentari (per niente il 27,3%), le automobili (per niente il 22,5%) e gli articoli di profumeria (il 20,7%). Si risparmia su viaggi (33,1% molto), abbigliamento e scarpe (33,1%).
Sostanzialmente positive risultano le opinioni dei single sui prodotti low cost. Per il 61,5% si tratta di prodotti o servizi con un ottimo rapporto qualità-prezzo, mentre il 15,3% considera il low cost con una possibilità che cela bassa qualità. Il 9,3% non si fida affatto di queste tipologie di acquisto.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Usa: meno di 40 mila casi in 24 ore

Gli Stati Uniti hanno registrato meno di 40mila casi nelle ultime 24 ore, stando al consueto bollettino della Johns Hopkins University, un dato che non…

5 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Congo, ucciso magistrato che indagava su morte Attanasio

È stato ucciso in Congo il magistrato militare che indagava sull’agguato in cui sono morti l’ambasciatore italiano Luca Attanasio, il carabiniere di scorta Vittorio Iacovacci…

5 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, netto calo dei casi in Gran Bretagna

Continuano a calare notevolmente i casi di coronavirus in Gran Bretagna, dove nelle ultime 24 ore su 863mila tamponi effettuati, solo 6.500 sono risultati positivi.…

5 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Nuova Zelanda, terremoto di magnitudo 8.1 al largo: allarme tsunami rientrato

Dopo le tre scosse di magnitudo 6.9, 7.1, 8.1, a largo della Nuova Zelenda, si era alzata l’allerta di tsunami, ma l’allarme è rientrato dopo…

5 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia