I diario del festival di Cannes/5 | T-Mag | il magazine di Tecnè

I diario del festival di Cannes/5

di Giampiero Francesca

downloadÈ tornato il sole lungo la croisette. Le sempre lunghissime file per le sale iniziano però a risentire già del clima da fine festival. Un solo evento sembra ancora risvegliare, negli animi dei cinefili, la voglia matta di passare alcune ore in coda per una proiezione: Adieu au language di Jean-Luc Godard. Per provare ad evitare l’estenuante attesa rimandiamo a domani la visione del certamente controverso lungometraggio del maestro francese per dedicarci ad un’altra pellicola presente in concorso, Deux jours, une nuit dei fratelli Dardenne.

I due registi belgi, già vincitori di due palma d’oro (Rosetta e L’enfant), presentano a Cannes una profonda riflessione su un tema fondamentale della nostra società contemporanea: il lavoro. La storia di Sandra, il cui lavoro dipende dal risultato di un ballottaggio in cui i suoi colleghi devono scegliere fra il rinnovo del contratto della protagonista o un bonus di 1000 euro, è infatti un pesante atto di accusa verso una società che ha distrutto il valore fondamentale del lavoro. Da un punto di vista cinematografica, però, l’opera dei Dardenne è una lentissima e ripetitiva litania, in cui la stessa scena (la questua dei voti in suo favore da parte di Sandra) viene ripetuta per quattordici volte uguale a se stessa. Non di sola morale può vivere un film, per questo, la visione di Deux jours, une nuit appare davvero ardua.

Meno difficile da vedere ma sicuramente non riuscito è l’esordio alla regia di Ryan Gosling, presente ad Un Certain regard con il suo Lost River. Mélange non ben decifrabile di stili, autori, idee, cinema il film risulta quasi divertente per la sua imperfezione. A metà fra Velluto Blu di David Lynch e il suo mentore Nicolas Winding Refn, con una strizzata d’occhio alle pellicole di genere, da questa prima opera è assolutamente ancora impossibile decifrare quale possa essere il destino dietro la macchina da presa dell’attore canadese.

Dopo un giorno relativamente tranquillo ci attende ora un vero tour de force. Oltre a Godard domani sarà il giorno di Michel Hazanavicius, già autore di The Artist, e del sempre apprezzabile Ken Loach, che porterà a Cannes la sua ultima fatica, Jimmy’s Hall.

 

Scrivi una replica

News

Migranti, von der Leyen: «Proponiamo soluzione per ricostruire la fiducia fra Stati membri»

«Oggi proponiamo una soluzione europea per ricostruire la fiducia tra Stati membri e per ripristinare la fiducia dei cittadini nella nostra capacità di gestire come…

23 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, la Commissione europea ha presentato un nuovo piano per la gestione dei migranti

No a trasferimenti obbligatori di migranti sbarcati nelle coste UE verso altri paesi dell’Unione, ma un «sistema comune» di rimpatri con una maggiore cooperazione con…

23 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, l’Ilo: «Entro la fine del 2020 potrebbero esserci 25 milioni di disoccupati in più a livello mondiale»

Entro la fine del 2020, a causa della pandemia, a livello mondiale potrebbero esserci venticinque milioni di disoccupati in più, che andrebbero a sommarsi ai…

23 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, al via la terza fase di sperimentazione per il vaccino della Johnson&Johnson

Il vaccino contro il coronavirus sviluppato dalla Johnson&Johnson, il primo a iniezione singola, è entrato nella terza fase di sperimentazione. Negli Stati Uniti, è il…

23 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia