La ‘pacificazione’ delle favelas di Rio de Janeiro | T-Mag | il magazine di Tecnè

La ‘pacificazione’ delle favelas di Rio de Janeiro

La prima puntata di uno speciale dedicato al Mondiale 2014
di Mirko Spadoni

Favelas“Il Brasile non è come la Germania”. L’ovvia osservazione è di Jérôme Valcke, segretario generale della Fifa, che a poche settimane dall’inizio del mondiale brasiliano si è sentito in dovere di avvisare chi raggiungerà il Paese sudamericano per assistere al torneo. “Il mio avvertimento per i tifosi – ha proseguito Valcke – è questo: assicuratevi che tutto sia a posto. Non sarà possibile, ad esempio, dormire in spiaggia”.
Eppure nella metropoli brasiliana, dove verranno disputati sei incontri dei sessantaquattro in programma per il mondiale e che accoglierà per l’occasione almeno 400 mila turisti, molto è stato fatto per rendere la città più sicura. Soprattutto laddove garantire l’ordine pubblico è sempre stato difficile: le favelas, che secondo le stime ospitano oltre 1.500.000 di persone. E così l’assessore alla pubblica sicurezza della capitale brasiliana, José Mariano Beltrame, si è affidato alle UPP (l’Unidades de Policia Pacificadora), che possono contare sull’apporto di un gran numero di agenti (12.500, in tutto) addestrati nel centro di reclutamento della Policia Militar. Il rapporto agenti/cittadini è così cresciuto fino ad una media di 30 ogni mille abitanti. E anche se tutto ha un costo molto elevato (233 milioni di euro l’anno, ovvero 720 milioni di Reais) il piano di “pacificazione” sta ottenendo risultati significativi: secondo i dati dell’Istituto di pubblica sicurezza (Instituto de Segurança Pública), le vittime di morte violenta sono diminuite del 75% mentre “i furti si sono ridotti di oltre il 50%”. Tuttavia, dal 2013 e considerando i dati relativi all’intero Stato di Rio de Janeiro, emergono aspetti meno rassicuranti: a gennaio 2014, gli omicidi sono stati 482 contro i 389 dello stesso periodo dell’anno precedente (+23,9%), così come sono in crescita gli scippi (+17%), i furti d’auto (+19%) e i tentativi d’omicidio (+7%). Un progetto, quello delle UPP, che solleva qualche dubbio sulla sua efficacia e molti consensi – almeno apparentemente – tra gli abitanti di Rio de Janeiro: secondo un sondaggio della fondazione Getulio Vargas, l’87% degli abitanti di Santa Marta e il 93% di quelli di Cidade de Deus, 2 delle 34 comunità ‘pacificate’, sostiene con favore l’operato della polizia. Al momento, le UPP installate sono state 34 nelle 226 comunità di Rio de Janeiro, la prima fu a Santa Marta in Botafogo il 19 dicembre del 2008.
Le operazioni di polizia, a volte necessarie per ristabilire l’ordine pubblico, spesso si concludono in modo tragico: secondo il Forum brasiliano di pubblica sicurezza, un’organizzazione non governativa che raccoglie i dati ufficiali degli organi statali e federali, 1.890 persone sono morte nel corso delle operazioni di polizia nel 2012 (circa 5 morti al giorno). Solo a Rio de Janeiro e San Paolo gli omicidi nel primo semestre del 2013 sono stati rispettivamente 362 e 165. Un numero elevato, ma forse sottostimato e così “nel tentativo di evitare insabbiamenti di omicidi illegali da parte della polizia – osserva Human Rights Watch nel suo World Report 2014 – il governo di San Paolo ha adottato una risoluzione nel gennaio del 2013 che vieta alle forze dell’ordine di rimuovere i corpi delle vittime dalle scene delle sparatorie”.
Il mondiale – e la successiva Olimpiade, che si terrà nel 2016 – rappresenta un banco di prova per le autorità brasiliane, il cui operato è apparso spesso discutibile: dal giugno del 2013, molte sono state le manifestazioni contro i servizi pubblici inadeguati e gli alti costi sostenuti per l’organizzazione della coppa del mondo. “In diversi casi – denuncia Human Rights Watch – la polizia ha utilizzato gas lacrimogeni, pepe spray e proiettili di gomma in modo sproporzionato”. Le cose potrebbero però peggiorare: “coloro che scenderanno in strada per manifestare durante il torneo – denuncia Amnesty International – rischiano di andare incontro a una violenza indiscriminata da parte della polizia e dell’esercito, che stanno aumentando gli sforzi per controllare le proteste”. Un timore giustificato da quanto accaduto – e certificato da un rapporto di Amnesty (Loro usano la strategia della paura. Proteggere il diritto di manifestazione in Brasile) – nell’ultimo anno e da alcune proposte di legge esaminate dal Parlamento brasiliano, “che rischiano di limitare ulteriormente il diritto di manifestazione pacifica”. “Una bozza di legge – denuncia l’organizzazione internazionale – prevede una più ampia definizione di terrorismo, fino a comprendere il danneggiamento di beni e servizi essenziali”.

segui @SpadoniMirko

 

1 Commento per “La ‘pacificazione’ delle favelas di Rio de Janeiro”

  1. […] La ‘pacificazione’ delle favelas di Rio de Janeiro […]

Scrivi una replica

News

Coronavirus, in Italia l’indice Rt è pari a 1,08

Nel periodo compreso tra i 4 e il 17 novembre 2020, l’indice di trasmissibilità Rt calcolato sui casi sintomatici è pari a 1,08. Lo rendono…

27 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Conte: «Ci sono novità nella curva epidemiologica»

«Sono ore impegnative: eravamo a consulto con i nostri esperti per valutare la curva epidemiologica per valutare gli scenari prossimi futuri». Lo ha detto il…

27 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Londra: accordo con UE ancora possibile

Il capo negoziatore dell’UE per la Brexit, Michel Barnier, sarà «in viaggio a Londra questa sera per continuare i colloqui con David Frost» in quanto…

27 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Chi arriva a Fiumicino dagli Usa potrà sottoporsi a un test Covid per evitare la quarantena

Da dicembre, i passeggeri dei voli che arriveranno a Fiumicino da alcuni aeroporti degli Stati Uniti – quello di New York JKF, Newark e Atlanta…

27 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia