In tre anni credito alle imprese sceso di 70 miliardi | T-Mag | il magazine di Tecnè

In tre anni credito alle imprese sceso di 70 miliardi

grandi_impreseDa tre anni anni questa parte il credito bancario alle imprese è diminuito di quasi 70 miliardi di euro. Stessa sorte anche per le famiglie che hanno assistito ad una contrazione di 14 miliardi. E’ quanto rilevato da Unimpresa che in un’analisi spiega che tra luglio 2011 e luglio 2014, i prestiti al settore privato da parte delle banche sono diminuiti nel complesso di 83,1 miliardi, in termini di percentuali il calo è stato del 5,49%. Si è passati dunque da 1.513 miliardi a 1.430 miliardi.
“Con questi dati – spiega il presidente di Unimpresa, Paolo Longobardi -, intendiamo rispondere ai banchieri che, per giustificare la stretta ai rubinetti del credito, puntano il dito contro le aziende, sostenendo che è colpa del cavallo che non beve: la realtà è diversa e racconta di una sistematica azione volta a ridurre drasticamente l’offerta di liquidità allo sportello. E il mezzo fallimento dell’asta conferma che da parte degli istituti di credito non c’è alcuna intenzione di finanziare l’economia reale”.

Tornando alle famiglie, Unimpresa spiega che i prestiti sono scesi del 2,29% passando dai 612,9 miliardi di euro del luglio 2011 ai 598,8 miliardi del 2014.
Entrando nel particolare è possibile notare come il credito al consumo sia sceso di 5,6 miliardi, per un calo di 8,78 punti percentuali, passando dai 63,8 miliardi del 2011 ai 58,2 miliardi dell’anno in corso. I mutui sono scesi dell’1,05%, di 3,8 miliardi, a 359,7 miliardi dai scendendo da 363,5 miliardi di tre anni fa. I prestiti personali sono scesi di 4,6 miliardi, in calo del 2,51%, a 180,9 miliardi, da 185,5 miliardi.
Più drammatica la situazione delle imprese. Tra luglio 2011 e luglio 2014 il calo del credito alle aziende è di 69,08 miliardi , del 7,67%, dai 900,2 miliardi di tre anni fa ai 831,1 miliardi.
In particolare i finanziamenti di breve periodo sono scesi di 39,02 miliardi (-11,29%), i prestiti di medio periodo di 12,2 miliardi (-8,71%), quelli prestiti di lungo periodo di 17,8 miliardi (-4,31%).

 

Scrivi una replica

News

Germania, l’addio di Merkel: «Provo innanzitutto gratitudine»

Angela Merkel ha “salutato” la Germania. «Oggi provo innanzitutto gratitudine e umiltà di fronte all’incarico che così a lungo ho tenuto», ha detto alla cerimonia…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Oms: «Ancora nessun decesso per Omicron»

Secondo l’Oms al momento non si hanno informazioni su eventuali decessi legati alla nuova variante Omicron del Covid. Lo ha sottolineato oggi un portavoce dell’agenzia…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, ok a provvedimento che evita lo shutdown

Il Congresso americano ha approvato il provvedimento che evita lo shutdown e finanzia il governo fino a febbraio. Dopo la Camera (che aveva approvato in…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “Nel 2021 si prevede un aumento del Pil pari al 6,3% e nel 2022 del 4,7%”

“Nel biennio 2021-2022 si prevede una crescita sostenuta del Pil italiano (+6,3% quest’anno e +4,7% il prossimo). L’aumento del Pil sarà determinato prevalentemente dal contributo della…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia