La “lunga crisi” dei vecchi sms | T-Mag | il magazine di Tecnè

La “lunga crisi” dei vecchi sms

whatsappL’ufficialità ci sarà tra qualche giorno, ma da quanto se ne sa l’accordo per l’acquisto di Whatsapp da parte di Facebook sta per ottenere il via definitivo della Commissione antitrust dell’Ue. L’applicazione di messaggistica istantanea creata dagli ex uomini di Yahoo!, Jan Koum e Brian Acton, è stata acquisita da Facebook a fabbraio 2014 per 19 miliardi di dollari, la cifra più alta sborsata dalla società di Mark Zuckerberg per includere nella propria orbita app o servizi utili alla causa (per rendere l’idea: nel 2012 Instagram costò a Facebook “appena” 741 milioni). Negli Stati Uniti l’ok definitivo c’è già stato, dopo che gli operatori telefonici hanno paventato l’ipotesi di condotta anticoncorrenziale. E in Europa, Bruxelles ha voluto vederci chiaro. A luglio, e poi di nuovo a inizio settembre, è stato inviato un questionario a “rivali” e “clienti” di Whatsapp e Facebook per capire le differenze sostanziali tra social network e chat e per verificare l’eventuale sussistenza di comportamenti sleali legati alla privacy e alla pubblicità agli utenti.
Ma le compagnie telefoniche hanno motivi molto più pratici per non dormire sonni tranquilli: la fetta di mercato, non indifferente, che i servizi di messaggistica hanno sottratto loro. Secondo una ricerca di Ovum, avvenuta dopo l’operazione di Facebook, Whatsapp vale una perdita di circa 32,5 miliardi di dollari all’anno per le compagnie Tlc. Il dato è relativo al 2013, ma le previsioni parlano di cifre che potranno lievitare nel mondo a 54 miliardi di dollari nel 2016. Tante compagnie telefoniche (Vodafone, Wind, Verizon) sono corse ai ripari con l’abbattimento dei costi dei “vecchi” sms o con pacchetti più o meno ampi di messaggi gratuiti da offrire ai propri clienti. Ma in ogni caso il calo ipotizzato per il 2014 – e in questo caso stiamo parlando esclusivamente degli Stati Uniti – è del 3-4%.
Mentre crescono servizi simili (tipo il russo Telegram e la cinese WeChat), Whatsapp resta il fiore all’occhiello del segmento. Ai tempi dell’acquisizione da parte di Zuckerberg erano stati contati 450 milioni di utenti. L’invio di messaggi non è totalmente gratuito, però. In realtà da qualche tempo si sottoscrive un piccolo abbonamento annuale di 0,89 centesimi. Oppure triennale a 2,40 euro o per cinque anni a 3,34 euro.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, von der Leyen: «Adattare immediatamente i vaccini alle nuove varianti»

«I contratti dell’Unione europea con i produttori affermano che i vaccini devono essere adattati immediatamente alle nuove varianti man mano che emergono». Così la presidente…

26 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Zelensky: «Pronti a escalation con Mosca»

Rischio di golpe tra l’1 e il 2 dicembre. E sullo sfondo uno scenario di guerra con la Russia. Questa è la sintesi delle dichiarazioni…

26 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue elimina l’obbligo di autorizzazione all’export per i vaccini

“Dal primo gennaio 2022 i produttori di vaccini non saranno piu’ obbligati a chiedere l’autorizzazione per esportare i loro prodotti al di fuori dell’Ue”. Lo ha reso noto…

26 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, in Portogallo a gennaio una settimana di contenimento

Stretta in Portogallo per contenere l’avanzata del coronavirus. Infatti, il governo ha stabilito una settimana di contenimento, dal 2 al 9 gennaio, durante la quale…

26 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia