La Germania è vicina alla recessione? | T-Mag | il magazine di Tecnè

La Germania è vicina alla recessione?

di Matteo Buttaroni

Angela MerkelLa Germania sembra non essere immune alla crisi economica che ha investito l’Europa. Il primo indicatore a sottolineare la debolezza del Paese considerato la locomotiva d’Europa è stato proprio il Pil, che nel secondo trimestre ha registrato un calo dello 0,2%.
Una fase di stagnazione che potrebbe non avere vita breve, tanto che gli analisti, a fronte degli ultimi dati, hanno dato una sforbiciata anche alle stime per i periodi successivi. Dal +1,9% previsto per il 2014 si è passati prima ad un +1,5% per poi approdare ad un +1,3%, mentre per il 2015 si attende addirittura un +1,2% contro il 2% stimato al termine del secondo trimestre.
Una dinamica che ha fatto crollare l’indice relativo alla situazione corrente di oltre un punto (ad agosto il dato è sceso da 112,9 punti a 111,1) e che ha posto la Germania, insieme all’Italia, in fondo alla classifica della Commissione europea sul clima economico (in base all’Economic Sentiment Indicator che monitora i comparto dell’industria, dei servizi, delle costruzioni e del commercio al dettaglio).
Oggi una nuova e pesante flessione ha interessato la Germania. Mentre sul fronte della produzione industriale la Francia non presenta particolari segni di cedimento e l’Italia annuncia una lieve ripresa (+0,3%), la locomotiva d’Europa arretra di ben quattro punti percentuali, mostrando il calo più pesante dal 2009 (anno ricorrente visto che anche il -5,8% delle esportazioni è il dato peggiore dal 2009). Neanche le previsioni avevano previsto un simile crollo. Tanto che avevano indicato un calo dell’1,5%.
Il dato di agosto, dettato in gran parte dalla debacle del 25% della produzione automobilistica, si va ad aggiungere al calo del 5,7% degli ordinativi e fa sì che vengano tagliati anche i dati relativi al mese di luglio, che passano così dal +1,9% al +1,6%.
Dato particolarmente negativo, oltre a quello automobilistico che è però soggetto a stagionalità, è quello relativo alla contrazione della produzione dei beni d’investimento: in calo ad agosto dell’8,8%. I beni intermedi sono invece scesi dell’1,9%, mentre la produzione dei beni di consumo ha accennato un -0,4%. Da sottolineare anche il calo del 2% nella produzione delle costruzioni. Si tratta di una serie di dinamiche che, se confermate anche nel prossimo periodo, potrebbero abbassare il +0,2% relativo al Pil atteso per il terzo trimestre, portando la Germania in fase di recessione tecnica.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Oms: «In Europa c’è una situazione molto grave»

«Quella che si sta verificando in Europa è una situazione molto grave», dove i nuovi casi settimanali di coronavirus «hanno superato quelli segnalati quando la…

17 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

«Il fumo degli incendi sulla costa occidentale Usa ha raggiunto l’Europa»

Il fumo degli incendi, che stanno devastando parte della costa occidentale statunitense, ha raggiunto l’Europa, dopo aver attraversato il resto degli States e l’Oceano Atlantico.…

17 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, il 17 novembre uscirà una nuova autobiografia di Obama

Il 17 novembre 2020, uscirà A Promised Land, una nuova autobiografia dell’ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama. Il libro, il primo di due volumi,…

17 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi sfiorano i 29,9 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 29.886.196. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

17 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia