Un rischio per la crescita globale | T-Mag | il magazine di Tecnè

Un rischio per la crescita globale

eurotowerLe stime dell’Ocse per l’Eurozona rimangono pressoché uguali a quelle indicate a settembre: si prevede infatti una crescita dell’1,1% per il 2015 e dell’1,7% per l’anno a seguire. In particolare l’organizzazione parigina parla di una crescita del Pil tedesco pari all’1,1% per il 2015 e un +1,8% per il 2016. In Francia si attende un 0,9% per il prossimo anno e un +1,5% per il seguente. +2,7% e +2,5% per il Regno Unito. Per l’Italia ci si aspetta un timido +0,2%.
L’area dell’euro, spiegano da Parigi, rischia “un periodo ancora più prolungato di stagnazione con bassa occupazione e investimenti, il che sarebbe ancora più oneroso se provocasse ulteriori cali delle attese sull’inflazione e ulteriore debolezza dei consumi”. Il perdurare del periodo di stagnazione potrebbe riversarsi anche sulla crescita globale, indebolendola. Tuttavia, nell’Economic Outlook si legge che “la crescita globale dovrebbe accelerare dalla seconda metà di quest’anno con il miglioramento delle condizioni finanziarie, continui stimoli di politica monetaria e un rallentamento del ritmo del consolidamento fiscale. I tassi di crescita del Pil mondiale nel 2015 e nel 2016 resteranno comunque modesti rispetto alla forte espansione precrisi e un po’ al di sotto della media nel lungo termine. Le economie emergenti continueranno a superare quelle avanzate, ma meno che nei decenni scorsi”.
Invariate anche le previsioni di crescita degli Stati Uniti che dovrebbe registrare un +3,1% nel 2015 e un 3% nel 2016. Rivista al ribasso invece la stima sulla crescita cinese del 2015, anno per il quale si attende un +7,1% contro il 7,3% previsto a settembre.

In Italia
L’Ocse ha deciso di premiare, anche se lievemente, gli sforzi dell’Italia. Lo ha fatto alzando le pessimistiche stime di crescita di settembre per il 2015, passando dal +0,1% previsto qualche mese fa al +0,2%. Un dato comunque inferiore rispetto alle stime di Istat e Commissione europea, che stimano rispettivamente un +0,5% e un +0,6%.
Il rialzo indicato dall’Ocse lascia comunque la crescita italiana per il 2015 troppo bassa, tanto che il Paese non riesce a muoversi dalla penultima posizione della classifica delle nazioni del G20. Solo la Russia si piazza più giù con previsioni di crescita pari allo zero.

 

Scrivi una replica

News

Olanda, si dimette la ministra degli Esteri

Sigrid Kaag, ministra degli esteri dell’Olanda, si è dimessa in seguito alla decisione della camera bassa del Parlamento che ha approvato una mozione contro il…

17 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, secondo i sondaggi cala l’approvazione all’operato di Joe Biden

Secondo i sondaggi americani, l’approvazione all’operato di Joe Biden è scesa a settembre al 45% rispetto al 54% di aprile. A pesare è la decisione…

17 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Rientrati i tre astronauti cinesi dopo la missione record di tre mesi

Sono rientrati i tre astronauti cinesi partiti lo scorso giugno per la stazione spaziale Tiangong. La loro missione è durata tre mesi ed è stata…

17 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: “Serve una Difesa europea”

“Il ritiro Usa dall’Afghanistan e l’accordo per la fornitura di sottomarini nucleari all’Australia da parte di Usa e Gb mostrano l’urgenza di lanciare una vera…

17 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia