Aumentano i reati in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Aumentano i reati in Italia

omicidiNel corso del 2013 sono stati denunciati quasi 2,9 milioni di reati, mostrando una crescita del 2,6% rispetto all’anno precedente. Un aumento che però non è stato lineare per tutte le tipologie di delitti e per tutte le provincie italiane. In particolare il Sole 24 Ore, che ha elaborato i dati del Ministero dell’Interno, sottolinea l’esponenziale aumento dei reati informatici, che hanno riportato un +20%: un incremento legato per lo più alla sempre maggiore diffusione delle nuove tecnologie. Elevato (+6%) anche l’aumento delle estorsioni.
Aumento del 6%, contro il 16% registrato nel 2012, anche per i furti nelle abitazioni, mentre, in confronto all’anno precedente, sono diminuiti i furti d’auto, scesi a 123 mila.
Un aumento del 12% si è registrato invece nei borseggi, passati a 166 mila. In linea con la crescita media annua le rapine, che nel corso del 2013 hanno riportato un +2,6% a circa 44 mila. Gli omicidi, che nel corso degli anni passati sono rimasti sempre stabili tra i 500 ed i 530 l’anno, nel corso del 2013 hanno registrato un incremento del 64% a 868 casi. Un aumento legato però alla strage di Lampedusa del 3 ottobre scorso, quando persero la vita 366 migranti in seguito al naufragio di un barcone africano con a bordo ben oltre 500 migrati africani.
Notevole l’aumento degli autori di reati denunciati o arrestati: il numero registra infatti un +4,6% passando dai 935 mila del 2012 ai 980 mila del 2013. L’aumento dei denunciati risulta più elevato dell’aumento delle denunce. Tanto per fare un esempio: le denunce per rapina, come già spiegato, sono aumentate del 2,6%, mentre per i denunciati l’aumento è stato del 10%.

Differenze territoriali
Gli aumenti di reati più marcati sono stati registrati a Trieste, con un +19%; a Asti e Piacenza, entrambe con un +16%; e a Lecco, che riporta invece un +13%.
Napoli è la prima città del Paese per il volume complessivo di rapine (8.417 casi) e per il numero di rapine ogni centomila abitanti: 270, contro le 72 della media nazionale. Seguono Milano e Roma.
Ad Asti si verificano invece più furti in abitazione che in qualsiasi altra città italiana. Si parla di quasi mille ogni centomila abitanti (+44%) contro i 414 della media italiana. Pavia e Torino, entrambe sul podio, si fermano a 700 rapine ogni centomila abitanti.
Gli abitanti di Trieste sono i più colpiti dalle frodi informatiche: 422 contro i 230 della media italiana. In questo caso sul podio, rispettivamente al secondo e terzo posto, si posizionano Savona e Napoli. Rimini, insieme a Milano, vanta anche il triste record per il numero generale dei delitti: ben ottomila ogni centomila abitanti. (la media italiana è di 4.756).
Benevento, Matera, Oristano ed Enna, tutte sotto i 2.500 reati denunciati, sono invece le realtà dove si verificano meno delitti.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, in Italia nelle ultime 24 ore registrati 1.912 nuovi casi

Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 1.912 casi positivi, il numero giornaliero più alto dalla fine del lockdown. Lo ha reso noto il ministero…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Prometeia prevede un calo del 9,6% per il Pil italiano nel 2020

Il centro studi Prometeia ha aggiornato le stime sull’economia italiana nel 2020 e nel 2021, indicando un calo del PIL del 9,6% quest’anno e una…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, attacco presso l’ex sede di Charlie Hebdo: quattro persone ferite

Un attacco a Parigi nella tarda mattinata di oggi, nei pressi dell’ex sede di Charlie Hebdo, che nel gennaio 2015 fu teatro della strage compiuta…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Fratelli d’Italia, Raffaele Fitto positivo al coronavirus

Il candidato del centrodestra alla presidenza della Regione Puglia ha annunciato su Facebook di essere risultato positivo al tampone per il coronavirus. Positiva anche la…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia