L’industria traina la ripresa | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’industria traina la ripresa

industriaÈ l’industria a trainare la risalita dell’Italia. Lo certifica, una volta di più, il Centro studi di Confindustria secondo cui la produzione industriale – un indicatore osservato con particolare attenzione per sondare lo stato di salute dell’economia – è cresciuta dello 0,2% a febbraio su gennaio (e dell’1,2% sull’anno) dopo il precedente aumento già rilevato rispetto al mese di dicembre.
Il buon momento e il clima di fiducia in crescita vengono così confermati, tenuto conto dell’indice Pmi manifatturiero (Purchasing Managers Index) di Markit che segna a febbraio un balzo notevole (e non atteso, almeno non di questa portata) a 51,9 da 49,9 (oltre i 50 punti l’indice mostra un’espansione dell’attività manifatturiera).
A spingere tale condizione è stato, soprattutto, il primo aumento in cinque mesi degli ordini con la crescita contestuale delle esportazioni. Negli ultimi otto mesi, infatti, l’incremento di nuovi ordini per il mercato estero è risultato essere il maggiore
È un dato che assume particolare importanza se rapportato al contesto europeo. Il balzo dell’Italia è, quasi, un’eccezione in quanto l’indice Pmi manifatturiero dell’Eurozona resta su valori stabili, a 51 punti. Le mosse della Bce che presto verranno attuate (il Quantitative Easing con la conseguente svalutazione dell’euro che faciliterà la vita alle imprese orientate all’export), dovrebbero provocare nei prossimi mesi un miglioramento generalizzato che l’Italia, intanto, è riuscita ad anticipare.
In Francia il valore scende ancora (a 47,6 da 49,2) a conferma della discesa degli ordini e di una domanda debole, ma quello complessivo cresce da 49,3 a 53,4. Fuori dall’Eurozona, si nota il risultato del Regno Unito che fa segnare l’indice Pmi manifatturiero a 54,1 punti dopo che a gennaio il valore si era attestato a 53,1. L’indice Pmi complessivo per l’Eurozona, invece, si attesta a 53,3 quando a gennaio era a 52,6. In Germania l’indice complessivo sale da 53,5 a 53,8 punti.
Il momento sostanzialmente positivo degli Stati Uniti, nonostante il rallentamento della sua crescita economica, fa segnare un aumento dell’indice Pmi manifatturiero da 53,9 (valore di gennaio) a 55,1 (valore di febbraio), con la componente produzione ancora in espansione. Frena, infine, in Giappone da 52,2 a 51,6 punti, mantenendosi comunque in territorio positivo.

(articolo pubblicato il 4 marzo 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, in Italia l’indice Rt è pari a 1,08

Nel periodo compreso tra i 4 e il 17 novembre 2020, l’indice di trasmissibilità Rt calcolato sui casi sintomatici è pari a 1,08. Lo rendono…

27 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Conte: «Ci sono novità nella curva epidemiologica»

«Sono ore impegnative: eravamo a consulto con i nostri esperti per valutare la curva epidemiologica per valutare gli scenari prossimi futuri». Lo ha detto il…

27 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Londra: accordo con UE ancora possibile

Il capo negoziatore dell’UE per la Brexit, Michel Barnier, sarà «in viaggio a Londra questa sera per continuare i colloqui con David Frost» in quanto…

27 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Chi arriva a Fiumicino dagli Usa potrà sottoporsi a un test Covid per evitare la quarantena

Da dicembre, i passeggeri dei voli che arriveranno a Fiumicino da alcuni aeroporti degli Stati Uniti – quello di New York JKF, Newark e Atlanta…

27 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia