Il buon momento del mercato dell’auto | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il buon momento del mercato dell’auto

di Matteo Buttaroni

mercato_autoIl mercato delle auto italiano continua a crescere mettendo a segno, mese dopo mese (quasi venti per la precisione), una serie di incrementi sostanziali e non solo in termini di vendite: anche la produzione di autoveicoli, negli ultimi mesi, ha registrato aumenti consecutivi importanti.
Mentre la produzione industriale è tornata in territorio negativo (segnando a gennaio un calo del 2,2% annuo e dello 0,7% rispetto a dicembre), a causa soprattutto della contrazione riportata dal settore della metallurgia e della fabbricazione di oggetti in metallo (che, esclusi macchine e impianti, ha registrato un -8,1%), dal tessile, abbigliamento, pelli e accessori (-5,7%) e da quello della fabbricazione di macchine e attrezzature, tra i pochi dati positivi indicati dall’Istat troviamo il +16,1% messo a segno dalla fabbricazione di mezzi di trasporto.
Considerando solamente la produzione di autoveicoli si è assistito a una crescita del 35,9%, che, dopo il +30,4% del mese di dicembre, quando l’intero settore della fabbricazione di mezzi di trasporto crebbe del 14,7% rispetto al dicembre del 2013, segna l’ennesimo aumento a doppia cifra consecutivo.
La stessa FCA guidata da Sergio Marchionne tempo fa ha annunciato un piano per incrementare ulteriormente la propria produzione. Secondo un’intesa raggiunta tra delegati Uilm e FCA, alla luce dei buoni risultati raggiunti dal gruppo nell’ultimo periodo, gli stabilimenti in Italia, in particolare quello di Melfi, porteranno i turni di produzione da 15 a 20. Non solo, sono previste anche mille assunzioni nel corso del 2015 e aumenti in busta paga.
Che il mercato delle auto attraversi un buon momento (nonostante si trovi tutt’oggi in calo rispetto al 2007) non è certo una novità. Sono già due mesi che le immatricolazioni registrano crescite superiori al 10% e se presi in considerazione i primi due mesi dell’anno la crescita è stata del 12,3% rispetto al bimestre gennaio-febbraio del 2014.
Solo nel secondo mese dell’anno la motorizzazione ha immatricolato 134.697 autoveicoli con un incremento del 13,2% sullo stesso mese dello scorso anno. Sul dato un importante contributo è arrivato dai noleggi. La voce ha infatti presentato una crescita del 45% annuo raggiungendo così una quota di mercato pari al 27% a febbraio e al 24% se si prende in esame il bimestre di inizio anno. Secondo l’Associazione Nazionale Industria dell’Autonoleggio il merito di questa crescita spetterebbe quasi esclusivamente all’imminente Expo 2015.
Ai buoni risultati riportati dal noleggio risponde però una lieve perdita, in termini di quote di mercato, da parte delle vendite ai privati. Nonostante le vendite siano infatti cresciute del 5% (a 77.625 unità) la quota di mercato è arretrata del 4,6% attestandosi a 55,9%.
Se si guarda al mese di gennaio e si allarga lo sguardo al mercato europeo si può notare come l’inizio del 2015 sia stato proficuo un po’ per tutta l’Europa. Le immatricolazioni sono infatti state un milione e 28 mila, il 6,2% in più rispetto allo stesso mese del 2014. La crescita italiana è stata tra le più forti e consente al nostro Paese di piazzarsi alle spalle solo della Spagna, con un aumento delle immatricolazioni del 27,5%. Ben più bassi gli incrementi riportati da Regno Uniti, con un +6,7%; Francia, +6,2%; e Germania, +2,6%.

(articolo pubblicato il 10 marzo 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Giorgetti: “Dati manifattura positiva. Le stime del governo miglioreranno”

“Il polso della manifattura che arriva dai dati che anticipano il ciclo è assolutamente positivo. Io sono positivo. Credo che le previsioni di crescita possano…

16 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Franco: “La ripresa economica e lavorativa si sta rafforzando”

“La ripresa dell’attività economia e dell’occupazione si sta rafforzando, e dopo i dati del primo trimestre positivi, la crescita sarà positiva anche nel secondo e…

16 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Recovery, Cingolani: “Fondi per sviluppare imprese italiane”

“Nel Pnrr ci sono interventi e programmi per la supply chain, per far crescere l’azienda almeno europea, ma meglio nazionale, perché non si finisca per…

16 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Auto, Cingolani: “E’ stato già un miglioramento passare da Euro 0 a Euro 6”

“La transizione ecologica deve essere giusta, noi non dobbiamo lasciare nessuno indietro. Dobbiamo curarci di chi comunque non potrebbe passare all’auto elettrica, e lo dobbiamo…

16 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia