La Cina fa spesa in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

La Cina fa spesa in Italia

accordoLa presenza della Cina in Italia è sempre maggiore e non stiamo parlando solo di turisti. Negli ultimi anni, infatti, l’interesse di Pechino per le aziende nostrane è cresciuto notevolmente (anche grazie agli accordi firmati tra i premier Renzi e Li Kejiang lo scorso ottobre), tanto che nel corso del 2014 gli investimenti in Italia sono risultati i più alti tra i paesi dell’Eurozona e i secondi nel Vecchio continente, dopo il Regno Unito.
L’Ultimo “colpaccio” vede coinvolti il colosso statale ChemChina (China National Chemical Corporation) di Ren Jianxin e la Pirelli di Marco Tronchetti Provera. In base all’accordo raggiunto dai due colossi, la società (che comunque manterrà sede e centro di ricerca in Italia) sarà ripartita per una quota inferiore al 50% dagli italiani e i russi già presenti prima di quest’ultima intesa, mentre la quota controllata dai cinesi sarà compresa tra un minimo del 51% e un massimo del 65%.
Nel corso del 2014 sono stati circa quattro i miliardi spesi in Italia dagli investitori cinesi e al contrario di quanto si possa pensare, non hanno più riguardato solo marchi inerenti alla moda o all’agroalimentare. Certo, nella lista della spesa cinese non mancano i vari Krizia e Ferragamo, per la moda, o Sagra e Berio, per l’agroalimentare, ma la maggior parte degli investimenti hanno visto l’acquisizione di aziende di Stato.
È il caso, per esempio, di Eni ed Enel, delle quali la Banca centrale cinese detiene, rispettivamente, il 2,102% e il 2,071%. Anche Ansaldo Energia, il cui 40% detenuto da Finmeccanica, prima, e dalla Cassa depositi e prestiti, dopo, è passato ai cinesi della Shanghai Electric Group.
Non bisogna poi dimenticare la Cdp Reti (proprietaria del 30% di Snam, la società che gestisce la rete del gas, e Terna, che gestisce quella elettrica), anch’essa detenuta dal Tesoro, attraverso la Cassa depositi e prestiti, fino alla cessione del 35% alla State Grid of China. Quest’ultima è stata probabilmente l’operazione più consistete portata a termine in Italia da investitori della Repubblica Popolare: 2,1 miliardi di euro.
Non solo energia, anche aziende come Fiat Chrysler Automobiles (2% per 177 milioni di euro), Telecom (2,081% per 310 milioni di euro), Saipem, Mediobanca e Generali, hanno ceduto quote di minoranza a investitori cinesi. Da sottolineare poi il passaggio della Infront (la società che detiene i diritti della Serie A di calcio) alla Dalian Wanda per circa un miliardi di euro.

(articolo pubblicato il 23 marzo 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Ambiente, nel 2019 emissioni gas serra Ue in calo del 3,7% su base annua

Nel 2019 le emissioni di gas a effetto serra dell’Unione europea – il dato include il trasporto aereo – sono scese del 3,7% su base…

30 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus: in Italia dal 1° al 29 novembre, quasi 801mila casi

Un bilancio sull’andamento della pandemia in Italia negli ultimi 30 giorni rivela che i casi di infezione da SARS-CoV-2 registrati ufficialmente sono stati 800.953, 22.712…

30 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inflazione, Istat: «Resta negativa, a novembre -0,2%»

«Secondo le stime preliminari, nel mese di novembre 2020 l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registra una…

30 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 62,8 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 62.829.641. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

30 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia