La Cina fa spesa in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

La Cina fa spesa in Italia

accordoLa presenza della Cina in Italia è sempre maggiore e non stiamo parlando solo di turisti. Negli ultimi anni, infatti, l’interesse di Pechino per le aziende nostrane è cresciuto notevolmente (anche grazie agli accordi firmati tra i premier Renzi e Li Kejiang lo scorso ottobre), tanto che nel corso del 2014 gli investimenti in Italia sono risultati i più alti tra i paesi dell’Eurozona e i secondi nel Vecchio continente, dopo il Regno Unito.
L’Ultimo “colpaccio” vede coinvolti il colosso statale ChemChina (China National Chemical Corporation) di Ren Jianxin e la Pirelli di Marco Tronchetti Provera. In base all’accordo raggiunto dai due colossi, la società (che comunque manterrà sede e centro di ricerca in Italia) sarà ripartita per una quota inferiore al 50% dagli italiani e i russi già presenti prima di quest’ultima intesa, mentre la quota controllata dai cinesi sarà compresa tra un minimo del 51% e un massimo del 65%.
Nel corso del 2014 sono stati circa quattro i miliardi spesi in Italia dagli investitori cinesi e al contrario di quanto si possa pensare, non hanno più riguardato solo marchi inerenti alla moda o all’agroalimentare. Certo, nella lista della spesa cinese non mancano i vari Krizia e Ferragamo, per la moda, o Sagra e Berio, per l’agroalimentare, ma la maggior parte degli investimenti hanno visto l’acquisizione di aziende di Stato.
È il caso, per esempio, di Eni ed Enel, delle quali la Banca centrale cinese detiene, rispettivamente, il 2,102% e il 2,071%. Anche Ansaldo Energia, il cui 40% detenuto da Finmeccanica, prima, e dalla Cassa depositi e prestiti, dopo, è passato ai cinesi della Shanghai Electric Group.
Non bisogna poi dimenticare la Cdp Reti (proprietaria del 30% di Snam, la società che gestisce la rete del gas, e Terna, che gestisce quella elettrica), anch’essa detenuta dal Tesoro, attraverso la Cassa depositi e prestiti, fino alla cessione del 35% alla State Grid of China. Quest’ultima è stata probabilmente l’operazione più consistete portata a termine in Italia da investitori della Repubblica Popolare: 2,1 miliardi di euro.
Non solo energia, anche aziende come Fiat Chrysler Automobiles (2% per 177 milioni di euro), Telecom (2,081% per 310 milioni di euro), Saipem, Mediobanca e Generali, hanno ceduto quote di minoranza a investitori cinesi. Da sottolineare poi il passaggio della Infront (la società che detiene i diritti della Serie A di calcio) alla Dalian Wanda per circa un miliardi di euro.

(articolo pubblicato il 23 marzo 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Franco: “La ripresa economica e lavorativa si sta rafforzando”

“La ripresa dell’attività economia e dell’occupazione si sta rafforzando, e dopo i dati del primo trimestre positivi, la crescita sarà positiva anche nel secondo e…

16 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Recovery, Cingolani: “Fondi per sviluppare imprese italiane”

“Nel Pnrr ci sono interventi e programmi per la supply chain, per far crescere l’azienda almeno europea, ma meglio nazionale, perché non si finisca per…

16 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Auto, Cingolani: “E’ stato già un miglioramento passare da Euro 0 a Euro 6”

“La transizione ecologica deve essere giusta, noi non dobbiamo lasciare nessuno indietro. Dobbiamo curarci di chi comunque non potrebbe passare all’auto elettrica, e lo dobbiamo…

16 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Deloitte: “Disoccupazione e ambiente preoccupano i giovani”

“Ambiente, disoccupazione e salute sono i tre grandi temi che preoccupano i giovani (Millennial e GenZ) in Italia. A un anno dall’inizio della pandemia i…

16 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia