Le difficoltà del settore delle costruzioni | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le difficoltà del settore delle costruzioni

costruzioni_impreseDi nuovo in frenata il settore delle costruzioni. Dopo il recupero, seppur lieve, di dicembre e di gennaio, a febbraio, infatti, l’indice della produzione nelle costruzioni è tornato a diminuire (-1,3% rispetto al mese precedente). Tuttavia, informa l’Istat, nella media del trimestre dicembre 2014-febbraio 2015 l’indice è aumentato dell’1,2% rispetto ai tre mesi precedenti.
I segnali positivi relativi ad uno dei settori di attività economica che più hanno risentito della crisi erano stati rilevati a gennaio quando l’indice della produzione era aumentato dell’1% su dicembre 2014, a conferma di un andamento al rialzo cominciato proprio allo scadere dello scorso anno. Nell’ultimo mese del 2014 si registrò un incremento della produzione del 2,3%.
Ora di nuovo una battuta d’arresto che delude le aspettative di risalita del settore, operazione evidentemente ancora molto ostica. Alcune dinamiche – in particolare il trend positivo della compravendita di immobili – avevano fatto sperare in un balzo in avanti per il settore delle costruzioni in generale, colpito duramente dalla crisi.
Dopo sette anni in flessione le compravendite immobiliari sono tornate a crescere dell’1,8% rispetto al 2013, secondo i dati dell’Agenzia delle entrate. Il 2014 si è dunque chiuso con un totale di 920.849 unità a fronte delle 904.960 del 2013. Un miglioramento che ha riguardato il settore commerciale (+5,7%) e quelli residenziale e produttivo (+3,6%), mentre non ha registrato progressi il terziario (-4,6%).
L’attività nel settore delle costruzioni, nel suo complesso, ha subìto un calo del 30% e oltre per quanto riguarda la produzione nel periodo compreso tra il 2010 e il 2014 (Istat). Le ripercussioni derivanti dalla crisi economica comprendono sia il numero di occupati, diminuito costantemente dal 2008 al 2014, sia le ore lavorate che hanno registrato una contrazione più marcata rispetto a quanto avvenuto negli altri settori.
Sulla base dei dati Istat, l’Ance (Associazione nazionale costruttori edili) osservò che solo nel 2013 si registrò una contrazione del comparto del 7,6% rispetto al 2012, ovvero 18 mila imprese in meno. Dal 2008 al 2013 sono uscite dal mercato circa 68 mila imprese con oltre un addetto.
La compravendita di immobili è stata favorita, inoltre, dal calo dei prezzi (del 4,2% come indicato dall’Istat nell’ultimo anno), una diminuzione che ha interessato sia le abitazioni esistenti che quelle nuove. Una buona notizia, in fondo, tenuto conto della perdita dei finanziamenti privati e degli investimenti in opere pubbliche evidenziata negli anni della crisi. Ma il mercato immobiliare resta, nonostante il ritorno al segno più, in difficoltà e secondo Confedilizia, tra gli altri, è opportuno ridurre la tassazione sugli immobili al fine di assicurare una reale ripartenza.

(articolo pubblicato il 17 aprile 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Meloni: «La Shoah fu un abisso dell’umanità»

«La Shoah rappresenta l’abisso dell’umanità. Un male che ha toccato in profondità anche la nostra Nazione con l’infamia delle leggi razziali del 1938. È nostro…

27 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Maturità 2023: latino al classico, matematica allo scientifico

Latino al classico, matematica allo scientifico. Sono state annunciate le materie della seconda prova per l’esame di Maturità 2023, che torna a svolgersi secondo quanto…

27 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Aiea: ieri esplosioni vicino a centrale nucleare di Zaporizhzhia

Potenti esplosioni vicino alla centrale nucleare di Zaporizhzhia occupata dai russi sono avvenute ieri durante l’attacco missilistico da parte delle forze di Mosca contro l’Ucraina.…

27 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Iran: attacco all’ambasciata azera, una vittima

Un morto e due persone rimaste ferite è il bilancio di un assalto all’ambasciata dell’Azerbaigian in Iran. Lo ha reso noto il ministero degli Esteri…

27 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia