Lo sviluppo digitale e delle tecnologie ICT | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lo sviluppo digitale e delle tecnologie ICT

agenda_digitaleOggi più che mai lo sviluppo di tutto ciò che gira intorno al digitale e all’ICT risulta fondamentale per favorire la crescita e la competitività di un Paese. L’Italia, in questo senso, nella classifica stilata da Huawei nel Global Connectivity Index 2015 occupa una posizione pressoché intermedia, posizionandosi alle spalle di quasi tutti i paesi sviluppati e avanti ai paesi emergenti e a gran parte di quelli in via di sviluppo.
Precisamente stiamo parlando del 18esimo gradino della scala. Una posizione ottenuta grazie allo sviluppo del Mobile Broadband e dell’elevato uso di smartphone. La diffusione di telefoni sempre più sofisticati ha infatti superato il 70% mentre gli utenti broadband, ovvero quelli che accedono mediante il WiFi fornito da un dispositivo portatile grazie ad una rete dati GSM o CDMA, sono il 40,8%.
Quello a cui però ora l’Italia deve guardare è un maggior sviluppo per favorire l’accesso alla banda larga per cittadini e imprese. Sì perché in questo modo si aiuterebbe anche l’e-commerce che, sebbene in crescita nel nostro Paese, risulta ancora di nicchia se confrontato con quello dei principali competitors. Basti pensare che solo il 4% delle imprese del nostro Paese si avvale di una piattaforma per la vendita al dettaglio in rete.
Investimenti digitali, questa è la parola d’ordine che interessa il futuro dell’Italia. Secondo Huawei, infatti, una crescita degli investimenti ICT pari al 20% si tramuterebbe in una crescita dell’1% per il Prodotto interno lordo.
Scorrendo la classifica si nota come il Paese europeo più virtuoso sia la Svezia, al secondo posto, seguita dal Regno Unito, al quinto, e dall’Olanda al sesto. La Germania occupa invece l’undicesima posizione, la Francia la 14esima, mentre la Spagna la 17esima.
In testa alla classifica si piazzano invece gli Stati Uniti seguiti in ordine, oltre che dalla Svezia, da Singapore e Svizzera.
Per stilare la classifica Huawei si basa su parametri come lo sviluppo dei data center, servizi cloud, Big Data, banda larga e Internet of Things oltre ai già citati e-commerce e connettività.
Dagli ultimi dati disponibili sembra comunque che l’Italia si stia muovendo per il verso giusto, anche se lentamente. Un indizio è l’aumento di occupati nel settore digitale ma anche la crescita, pari al 25% sul 2013, degli investimenti nel settore da parte delle imprese.
Se si considera l’intero mercato digitale le performance registrate nel 2014 possono definire i dodici mesi passati come un anno di transizione. Si è infatti, finalmente, registrato un rallentamento nella caduta del settore: si è passati dal -4,4% del 2013 al -1,4% e la crescita di indicatori, come appunto gli investimenti, fanno ben sperare nei risultati dell’anno in corso.

(articolo pubblicato il 30 aprile 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Fauci: «La mancanza di sincerità e di fatti è costata vite umane»

«La mancanza di sincerità e di fatti sul fronte della pandemia è costata molto probabilmente vite umane». Lo ha detto il virologo statunitense, Anthony Fauci,…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Recovery Fund, Conte: «Ha una valenza trasformativa per il Paese»

«Questo piano ha una valenza trasformativa per il Paese». Lo avrebbe detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, al termine dell’incontro con i sindacati sul…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Lavoro, Bankitalia: «Nel 2020 è cresciuta notevolmente la quota di imprese che usano lo smart working»

Nel 2020, complici le misure restrittive introdotte a causa dell’emergenza sanitaria, la quota delle imprese che hanno fatto ricorso allo smart working è cresciuta in…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, l’indice Rt è sceso a 0,97 dopo cinque settimane in aumento

Nel periodo compreso tra il 30 dicembre 2020 e il 12 gennaio 2021, l’indice di trasmissibilità Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,97 (range 0,85-1,11),…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia