Il costo di un animale domestico in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il costo di un animale domestico in Italia

caniIl mercato dei prodotti per l’alimentazione degli animali domestici è in crescita, in Italia e non solo: nel 2014, infatti, la spesa per l’acquisto degli alimenti (specialmente per cani e gatti) è aumentata a livello globale.
Nel 2014, secondo l’ottavo rapporto Assalco – Zoomark 2015 sull’Alimentazione e la Cura degli Animali da Compagnia, gli italiani hanno speso 1.830 milioni di euro (il 2,4% in più rispetto al 2013) in alimenti per gatti e cani, sborsando 992 milioni di euro per i primi e 838 milioni per i secondi. Molto di più rispetto a quanto speso, ad esempio, per l’acquisto degli accessori, che – seppure in crescita del 3,9% rispetto all’anno precedente – hanno realizzato un fatturato di circa 66 milioni di euro.
Un risultato inevitabile, del resto: la parte più consistente del budget destinato alla cura degli animali domestici viene utilizzata per l’acquisto degli alimenti, che rappresentano così la principale voce di spesa.
Stando al Rapporto Italia 2015 dell’Eurispes, secondo cui l’81,9% degli italiani in possesso di un animale domestico ammette di non spendere più di 50 euro al mese per il suo mantenimento, il 47,7% dei proprietari confessa di sborsare meno di 30 euro al mese per acquistare gli alimenti necessari, il 32,8% spende una cifra compresa tra i 30 e i 50 euro al mese mentre soltanto il 14% sborsa dai 51 ai 100 euro. Il 49,5% dei proprietari, prosegue l’Eurispes, ammette di aver tagliato le risorse rispetto agli anni passati.
Eppure, secondo i dati raccolti in un studio dell’Associazione difesa orientamento consumatori (Adoc), nell’arco dell’ultimo decennio la spesa per il mantenimento di un animale domestico è lievitata: nel 2015, infatti, gli italiani spenderanno il 70% in più rispetto a quanto accadeva prima dell’introduzione dell’euro per acquistare tutto il necessario (alimenti, accessori e spese mediche). Nel 2015 accudire un cane costerà poco meno di 1.743 euro l’anno (nel 2001 ne bastavano 1.000 per uno di taglia media) contro i 618,5 euro annui per un gatto (circa 300 euro in più rispetto al 2001).
E così, osserva l’Adoc, se si considera che la media di vita – sia per un cane che per un gatto – è di circa 15 anni, mantenere un cane per tutta la sua vita costa complessivamente circa 26 mila euro mentre per un gatto si spendono poco più di 9 mila euro.
Si tratta di una spesa consistente e difficile da sostenere per molti italiani, la maggior parte dei quali rinuncia così alla compagnia di un animale domestico: secondo l’Eurispes, infatti, nel 2015 solo il 33% degli italiani ha ammesso possederne uno o più di uno. Nel 2012 erano il 41,7%.

(articolo pubblicato il 7 maggio 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Fauci: «La mancanza di sincerità e di fatti è costata vite umane»

«La mancanza di sincerità e di fatti sul fronte della pandemia è costata molto probabilmente vite umane». Lo ha detto il virologo statunitense, Anthony Fauci,…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Recovery Fund, Conte: «Ha una valenza trasformativa per il Paese»

«Questo piano ha una valenza trasformativa per il Paese». Lo avrebbe detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, al termine dell’incontro con i sindacati sul…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Lavoro, Bankitalia: «Nel 2020 è cresciuta notevolmente la quota di imprese che usano lo smart working»

Nel 2020, complici le misure restrittive introdotte a causa dell’emergenza sanitaria, la quota delle imprese che hanno fatto ricorso allo smart working è cresciuta in…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, l’indice Rt è sceso a 0,97 dopo cinque settimane in aumento

Nel periodo compreso tra il 30 dicembre 2020 e il 12 gennaio 2021, l’indice di trasmissibilità Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,97 (range 0,85-1,11),…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia