Le imprese straniere in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le imprese straniere in Italia

Secondo la Fondazione Leone Moressa, circa la metà della ricchezza prodotta dalle imprese attive in Italia deriva dal comparto dei servizi

imprese traniereDifficile trascurare il contributo offerto dalle imprese straniere all’economia italiana. Un contributo quantificato dalla Fondazione Leone Moressa in oltre 90 miliardi di euro.
Secondo uno studio condotto dalla Fondazione Leone Moressa, elaborato su dati Infocamere, il contributo delle imprese straniere attive in Italia è quantificabile in 94 miliardi di euro: il 6,5% del valore aggiunto nazionale del 2013, in pratica. Circa la metà (41 miliardi di euro) deriva dal comparto dei servizi, mentre commercio e industria manifatturiera contribuiscono con 18 e 17 miliardi di euro ciascuno.
Ad oggi, osserva ancora il report, le imprese straniere attive sul territorio italiano sono 525 mila (circa il 9% del totale), la maggior parte delle quali è conduzione individuale. Il cui numero, secondo una rilevazione condotta da Unioncamere – InfoCamere sui dati del Registro delle imprese delle Camere di commercio, è cresciuto considerevolmente nel corso del 2014. Durante lo scorso anno, infatti, le imprese individuali costituite da cittadini provenienti da Paesi extracomunitari hanno toccato quota 335 mila unità (+7% rispetto al 2013), superando il 10% del totale delle imprese individuali italiane (3,2 milioni).
Tuttavia sono moltissimi i cittadini stranieri che, una volta giunti in Italia, hanno trovato un’occupazione senza ricorrere alla costituzione di un’impresa individuale: secondo i dati aggiornati ai primi 9 mesi del 2014, sono oltre 2,4 milioni i lavoratori stranieri presenti nel nostro Paese (il 10,8% dei lavoratori totali). Di cui il 63,6 % risulta essere impiegato nei servizi, il 31,7% nell’industria di cui il 13,3% nelle costruzioni e il 4,7% in agricoltura. In Italia, stando a quanto riferito dall’Istat, vivono cinque milioni di cittadini stranieri (l’8,3% del totale), il 40% dei quali risiede nelle città del centro-nord.
Quella della Fondazione Moressa non è l’unica stima che mette in luce l’apporto offerto dai lavoratori stranieri. La cui integrazione all’interno del sistema produttivo genera 1,2 nuovi lavori e contribuisce ad un aumento dei salari nell’economia locale, stando ad un recente studio del National Bureau of Economic Research, un’istituto di ricerca statunitense.

(articolo pubblicato il 26 maggio su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, la Francia anticipa il coprifuoco alle 18

Il virus continua a costringere i governi ad adottare misure più stringenti per contenere la pandemia: dopo la Cina, che ha imposto il lockdown in…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Paesi Bassi: si è dimesso il governo guidato da Rutte

Il governo olandese si è dimesso. Lo ha annunciato il premier Mark Rutte, in carica dal 2010. Fatale uno scandalo che ha coinvolto circa 20mila…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, misure più dure per entrare in Belgio dai Paesi extra Ue

Il Belgio, a causa del protrarsi della pandemia, ha inasprito le regole per l’ingresso dai Paesi extra Ue, incluso il Regno Uniti.  In concreto, ai…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Berlino: «Prendere molto sul serio la mutazione del virus»

«Il governo osserva con grande attenzione gli effetti della mutazione del Covid, che si è diffusa in Gran Bretagna e Irlanda, e anche i Laender…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia