Premio Simpatia 2015: tra i premiati Carolina Kostner | T-Mag | il magazine di Tecnè

Premio Simpatia 2015: tra i premiati Carolina Kostner

“Credo che lo sport abbia l’obbligo morale di farsi portatore di ottimismo e di speranza”. Carolina Kostner

kostner2Prestigioso. Importante. Ambito. Tanti sono gli aggettivi che è possibile accostare al Premio Simpatia, con la certezza di attenersi pienamente alla realtà. Del resto il premio, ideato dallo studioso della romanità Domenico Pertica e che mercoledì 27 maggio è giunto alla sua 45 esima edizione, “è diventato – si legge nella nota diffusa in occasione dell’evento – uno dei simboli della Città Eterna”. Per l’edizione 2015, l’attenta selezione dei vincitori è stata affidata ad una giuria numerosa, composta da personaggi “illustri” come Carlo Verdone, Renzo Arbore, Christian De Sica, Pippo Baudo e Gigi Proietti. A ricevere il premio, durante una cerimonia svoltasi nella Sala della Protomoteca del Campidoglio, sono stati in 41. Facciamo qualche nome: Claudio Cerasa, direttore de Il Foglio, per la letteratura e il giornalismo; Alba Rohrwarcher, Milly Carlucci, Claudia Pandolfi, Saverio Costanzo, Vincenzo Salemme, Claudio Santamaria e Maurizio Mattioli per lo spettacolo, il teatro e il cinema; Carmen Consoli per la musica; per lo sport Dino Zoff e Carolina Kostner, pattinatrice artistica su ghiaccio, campionessa mondiale 2012, medaglia di bronzo alle Olimpiadi invernali di Sochi 2014, cinque volte campionessa europea e sette volte italiana. Ma ad ottenere questo riconoscimento non sono stati soltanto personaggi del mondo dello spettacolo, della musica e dello sport. Tra i premiati, infatti, si leggono alcuni nomi sconosciuti ai più: esponenti delle forze dell’Ordine, della società civile e persone ‘comuni’. Ma ognuno di loro – ciascuno a modo suo – è sicuramente degno di questo premio, assegnato “alle eccellenze italiane, ai talenti sommersi e alle storie umane che rappresentano il silenzioso cardine, spesso dimenticato, del vivere quotidiano e che sono da sempre i protagonisti dell’originale kermesse”. Nel ricevere la rosa dello scultore Assen Peikov, simbolo del premio, alcuni hanno preferito – per timidezza e l’emozione, forse – limitarsi ad un sincero “grazie” rivolto alla giuria e alla platea. Altri, invece, hanno omaggiato i presenti con qualche parola in più, per una dedica o un breve discorso di ringraziamento. Come ha fatto Carolina Kostner.Carolina_Kostner “Sono onorata – ha ammesso – di ricevere questo premio e per questo ringrazio l’organizzazione, l’Assessore alla Cultura e al Turismo del Comune di Roma e la giuria che mi ha inserito in questa rosa di persone, tutte così diverse nelle proprie specificità, ma tutte unite da un elemento comune: il regalare emozioni”. “Perché la parola simpatia vuol dire questo: stare insieme con sentimento ed emozione”, ha spiegato Kostner. “Ed è proprio ciò che, in tutti questi anni, attraverso il mio sport, ho desiderato trasmettere: l’impegno, il sacrificio, la gioia e la grinta in quello che rappresenta il mio mondo, creando emozione e diventando anche un simbolo per le nuove generazioni che – ha proseguito – hanno tanto bisogno di messaggi di ottimismo e di speranza. Credo che lo sport abbia l’obbligo morale di farsi portatore di tutto questo in ogni ambito e specialità, perché lo sport rappresenta uno strumento di unione basato su valori sociali fondamentali per i giovani di oggi. Un alimento per la crescita e lo sviluppo degli adulti del futuro”. “Lo sport è parte del patrimonio di ogni uomo e di ogni donna”, come diceva De Coubertin e questo concetto supera i concetti spazio temporali e le congiunture economiche. E questo prestigioso riconoscimento – ha concluso Kostner – rappresenta anche per me un incentivo, uno stimolo ulteriore per continuare a offrire il meglio di me stessa”.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, la Francia anticipa il coprifuoco alle 18

Il virus continua a costringere i governi ad adottare misure più stringenti per contenere la pandemia: dopo la Cina, che ha imposto il lockdown in…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Paesi Bassi: si è dimesso il governo guidato da Rutte

Il governo olandese si è dimesso. Lo ha annunciato il premier Mark Rutte, in carica dal 2010. Fatale uno scandalo che ha coinvolto circa 20mila…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, misure più dure per entrare in Belgio dai Paesi extra Ue

Il Belgio, a causa del protrarsi della pandemia, ha inasprito le regole per l’ingresso dai Paesi extra Ue, incluso il Regno Uniti.  In concreto, ai…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Berlino: «Prendere molto sul serio la mutazione del virus»

«Il governo osserva con grande attenzione gli effetti della mutazione del Covid, che si è diffusa in Gran Bretagna e Irlanda, e anche i Laender…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia