Le nuove frontiere del commercio al dettaglio | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le nuove frontiere del commercio al dettaglio

Il 67% degli italiani dichiara di comprare online per la convenienza dei prezzi, ma gran parte di essi preferisce testare il prodotto "fisicamente"
di Matteo Buttaroni

ecommerceOrmai è un dato di fatto: viviamo nell’era dello showrooming. Un fenomeno che unisce la possibilità di toccare con mano i prodotti, testarli e confrontarli, per poi comprarli in rete (o viceversa), unendo così la praticità del negozio fisico alla comodità e, il più delle volte, al risparmio di quella online. E’ la nuova frontiera della vendita retail.
Secondo PwC il 75% dei consumatori coinvolti nello studio Total Retail Survey 2015 è solito fare attività di showrooming o reverse showrooming. Nel primo caso compra online dopo aver ricercato nei negozi veri e propri (se ancora si può fare questa distinzione) i prodotti a cui è interessato. Nel secondo fa invece il contrario, effettua prima una ricerca online per acquistare, successivamente, in un negozio fisico.
La ricerca, che ha analizzato le abitudini di consumo di 19 mila consumatori distribuiti per 19 paesi, tra cui l’Italia, ha rilevato che il 38% degli italiani, contro il 36% a livello globale, si reca settimanalmente in un negozio fisico per provare o comunque toccare con mano i prodotti che è intenzionato ad acquistare, confermando così che gran parte degli italiani rimane ancora attaccato alle vecchie abitudini. Il 25% utilizza invece il Pc, il 13% il tablet, mentre il 12% lo smartphone.
Chi afferma di recarsi ancora prettamente in un negozio fisico spiega di farlo proprio per la possibilità di toccare con mano le merci da acquistare. Proprio per questo è nato il fenomeno dello showrooming. Il 67% degli italiani che acquistano online, dichiara di farlo per la convenienza dei prezzi.
Altro dato di rilievo che emerge dallo studio è quello che indica come il 63% degli italiani trovi fondamentale i social network per veicolare i propri acquisti. Nella metà dei casi, infatti, i consumatori si recano sui profili dei marchi (che si tratti di tecnologia, abbigliamento, accessori, ecc.) nella speranza di trovare promozioni od occasioni. Nel 33% lo fanno semplicemente per visualizzare nuovi prodotti. Il 21% dichiara invece di farlo per reperire suggerimenti o consigli.

(articolo pubblicato il 29 maggio su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Ucraina, Zelensky: «La Russia deve essere riconosciuta come uno stato sponsor del terrorismo»

«La Russia deve essere riconosciuta come uno stato sponsor del terrorismo. Il mondo può e quindi deve fermare il terrore russo». Lo ha scritto su…

28 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Draghi: «Ci ritroviamo con una Ue più unita, una NATO più unita»

«Gli effetti di questa guerra sono imprevedibili, ci ritroviamo con una Ue più unita, una NATO più unita e probabilmente più grande: i Paesi cercano…

28 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Draghi: «Vladimir Putin non sarà presente al prossimo G20»

«Vladimir Putin non sarà presente al prossimo G20». Così il presidente del Consiglio, Mario Draghi, esclude la presenza del leader del Cremlino, al prossimo G20…

28 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Siccità, Curcio: «Stato d’emergenza, dopo che saranno decise le misure»

«Lo stato di emergenza» a causa della siccità «è un atto del governo e si farà quando avremo le idee chiare sulle misure» da applicare.…

28 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia