Il crollo degli investimenti al Sud | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il crollo degli investimenti al Sud

sud_mezzogiornoPer rilanciare il Mezzogiorno è opportuno ripartire soprattutto dagli investimenti. Il governo, stando all’intervista a Repubblica del ministro dello Sviluppo economico, Federica Guidi, sembra intenzionato a procedere in questo modo con lo stanziamento di oltre 80 miliardi di euro per rafforzare i poli industriali e le infrastrutture, “un nuovo modello di sviluppo che valga per i prossimi 15 anni”.
Il rapporto Svimez sul Sud d’Italia, quasi un grido d’allarme (Pil in calo da sette anni, crescita inferiore a quella della Grecia), è ora al centro del dibattito politico ed economico, avendo messo in evidenza i ritardi accumulati nel tempo, accresciuti poi negli anni della crisi.
Il crollo degli investimenti, tuttavia, è una variabile negativa che riguarda il paese intero, un autentico freno alla crescita. Secondo la Cgia di Mestre tra il 2007 ed il 2014 il dato relativo agli investimenti, pubblici o privati, è sceso di ben 29,7 punti percentuali, facendo mancare all’appello qualcosa come 109,4 miliardi di euro.
L’ammontare complessivo degli investimenti fissi lordi del 2014 è stato pari a 259,1 miliardi di euro, più o meno lo stesso valore del ’95, quando si attestava a 264,3 miliardi. Ciò è avvenuto al Sud più che nel resto d’Italia.
Come spiega il rapporto Svimez, nel periodo 2008-2014 gli investimenti fissi lordi sono diminuiti nel Mezzogiorno del -38,1%, circa 11 punti in più che nel resto del paese (-27,1%). Condizione che è proseguita anche l’anno scorso e che ha interessato in questo arco temporale tutti i settori di attività economica, in particolare nell’industria in senso stretto, crollata addirittura del 59,3% (-17,1% al Centro-Nord).
Il punto è che il Meridione parte ulteriormente svantaggiato, avendo già vissuto una tendenza alla riduzione nel periodo precedente alla crisi (-5,9% tra il 2001 e il 2007) quando il Centro-Nord era di segno opposto (8,3%). Ecco perché il rapporto Svimez, sul tema investimenti, appare in conclusione pessimista: il massiccio disinvestimento, spiega, mette “in dubbio la stessa possibilità di potersi agganciare al ciclo positivo internazionale e nazionale”. E “anche se sospinte da un adeguato sostegno pubblico, le conseguenze di questo prolungato disinvestimento in termini di crescita dureranno a lungo”.

(articolo pubblicato il 3 agosto 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Usa 2020, Trump: «Sarà molto difficile ammettere la sconfitta, perché ci sono stati brogli enormi»

«Sarà qualcosa di molto difficile da accettare, perché sappiamo che c’è stata una frode massiccia». Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, replicando a chi…

27 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello globale i contagi hanno superato i 61,3 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 61.133.006. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

27 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, Conte: «Ha perso un po’ di smalto»

«L’ho detto più volte ai miei colleghi nei Consigli europei: l’Unione europea, la vecchia Europa, ha perso un po’ di smalto anche dal punto di…

27 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, principe di Svezia e sua moglie sono positivi

Il principe di Svezia, Carlo Filippo (41 anni) e sua moglie, sono risultati positivi al coronavirus. I contagi in Svezia continuano a salire e tra…

26 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia