Imprese: fatturato lontano dai livelli pre-crisi | T-Mag | il magazine di Tecnè

Imprese: fatturato lontano dai livelli pre-crisi

lavoro_imprese-1024x683Nonostante le recenti rassicurazioni dell’Ocse (“In Francia e in Italia, così come nell’area euro nel suo complesso, gli indicatori mostrano un consolidamento della crescita”) e nonostante la risalita certificata dall’indice Pmi manifatturiero al ritmo più veloce in oltre quattro anni (sostenuta dal miglioramento della domanda interna), il nostro paese sembra vivere tuttora un’incerta fase economica.
In ogni caso qualsiasi effetto positivo derivante dalla ripresa potrà essere valutato nel prossimo futuro, adesso c’è chi si sta leccando le ferite. Per Mediobanca, ad esempio, la crisi non può dirsi finita e lo spiega senza troppi giri di parole nel suo ultimo rapporto. A destare preoccupazioni, osservando l’andamento di oltre duemila imprese, sono soprattutto i cali di vendite e occupazione nel 2014.
Negli anni della crisi le imprese manifatturiere sono riuscite a mostrare una certa vitalità grazie all’export. Così settori di attività economica che hanno visto crollare i consumi interni, hanno trovato nuovi sbocchi nei mercati esteri.
Eppure il fatturato delle imprese resta lontano dai livelli pre-crisi. Questo è uno degli spunti di riflessione contenuti nel rapporto di Mediobanca. Dal 2008 al 2014 i ricavi in Italia hanno segnato un saldo negativo del 4,3% e solo le medie-imprese della manifattura hanno registrato una crescita del 3,4% (nel 2014 il fatturato delle maggiori società italiane è sceso del 2,2% sul 2013). Nel medesimo arco temporale, le società pubbliche hanno evidenziato una flessione dello 0,1% del loro fatturato, le private il 5,4% in meno.
Le imprese medio-grandi, invece, hanno subìto un calo del 5,4% e il Made in Italy una flessione dell’1,3% nel periodo 2008-2014. Il fatturato della manifattura estera in Italia, poi, ha evidenziato una diminuzione del 9,7% (-7,3% per quanto riguarda le società estere nel complesso).
I settori che hanno ottenuto le migliori performance sono quelli delle pelli e cuoio (+33,6%), contractor (+26,8%), l’alimentare (+21,7%) e le local utilities (+17,5%). Negativi i prodotti per l’edilizia (-38,7%), l’editoria (-36,8%) e le Tlc (-24,1%).

(articolo pubblicato il 13 agosto 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Censis: «600mila poveri in più. Covid peggiore il tenore di vita»

Dal rapporto Censis-Tendercapital emerge che «cinque milioni di italiani hanno difficoltà a mettere in tavola un pasto decente, 7 milioni e 600mila hanno avuto un…

23 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, una persona su cinque ha disturbi psichiatrici dopo la diagnosi

Circa una persona su cinque ha disturbi psichiatrici tra 14 e 90 giorni dopo la diagnosi di Covid-19. A rivelarlo uno studio condotto dal Dipartimento…

23 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Movimento 5 stelle, pubblicato il documento di sintesi degli Stati generali

Il Movimento 5 stelle ha pubblicato sul “Blog delle Stelle” il documento di sintesi degli Stati generali del movimento che si sono conclusi la scorsa…

23 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Libia, Italia e altri Ue: «Misure contro chi ostacola la pace»

«Francia, Germania, Italia e Regno Unito hanno ribadito oggi il loro pieno sostegno al processo guidato dalle Nazioni Unite per dare alla Libia nuove istituzioni…

23 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia