Lavoro, il ministero rettifica i dati diffusi mercoledì | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavoro, il ministero rettifica i dati diffusi mercoledì

Il ministero del lavoro ha rettificato i dati diffusi sul numero dei contratti dei primi 7 mesi del 2015. Sono 327.758 i contratti a tempo indeterminato in più e non 630.585 come comunicato precedentemente. La cifra somma il saldo fra attivazioni e cessazioni (+117.498) e stabilizzazioni (210.260). “Nella tabella corretta – afferma il ministero in un comunicato – l’incremento delle attivazioni dei contratti a tempo indeterminato” sullo stesso periodo del 2014 “è del 39,3% anziché del 30,5%” riferito ieri, mercoledì 26 agosto 2015. Secondo la nuova tabella diffusa oggi nei primi sette mesi del 2015 sono stati attivati nel complesso 5.150.539 contratti (e non 4.954.024 come erroneamente comunicato). Inoltre, stando ai dati contenuti nelle tabelle corrette, nei primi sette mesi del 2015, le cessazioni sono state 4.014.367 e non 2.622.171 come annunciato nei giorni scorsi. Con i nuovi dati il saldo fra i nuovi contratti registrati e quelli cessati nei primi sette mesi del 2015 registra 1.136.172 contratti attivati in più.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Oms: esperti internazionali presto in Cina

Il capo delle emergenze dell’Organizzazione mondiale della sanità, Mike Ryan, ha fatto sapere che gli esperti internazionali torneranno in Cina «il prima possibile» per continuare…

24 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Violenza sulle donne, da gennaio a ottobre in Italia ci sono stati 91 femminicidi

Violenza sulle donne, da gennaio a ottobre in Italia ci sono stati 91 femminicidi. A riferirlo è un rapporto dell’Eures, sottolineando che, nello stesso periodo…

24 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gualtieri: «Rinvio tasso per tutte le imprese con perdite»

«Il governo si appresta a varare grazie allo scostamento da 8 miliardi nuove misure a partire dal rinvio delle nuove scadenze tributarie per i settori…

24 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bankitalia: «La ripresa nel 2021 sarà più lenta del previsto»

«La ripresa nel 2021 sarà verosimilmente più lenta del previsto. Nel quarto trimestre 2020, è plausibile una flessione del Pil anche se più contenuta rispetto…

24 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia