L’emorragia di occupati nel settore delle costruzioni | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’emorragia di occupati nel settore delle costruzioni

costruzioni_impreseLa crisi del settore delle costruzioni italiano non ha eguali nell’Unione europea. I numeri raccolti da Confartigianato lo dimostrano ampiamente. Nel periodo compreso tra il 2012 e il 2015, infatti, oltre il 50% dei posti di lavoro persi nel comparto a livello europeo si concentra nel nostro Paese.
Negli ultimi tre anni, il calo dell’occupazione ha coinvolto tutti i Paesi europei. Tuttavia l’Italia, che pesa per il 9,9% dell’occupazione del settore costruzioni nell’Ue a 28, ha pagato il prezzo più caro. A fronte di 502.300 occupati in meno in tutta l’Ue a 28 tra il 2012 e il 2015, pari ad un calo del 3,4%, soltanto in Italia, i posti di lavoro persi sono stati 254.500, pari ad una riduzione del 15,1%.
I fattori che hanno influito (negativamente) sul settore delle costruzioni in Italia sono diversi, sostiene Confartigianato. Eccone alcuni: il calo della domanda, lo spread sui tassi di interesse e il boom della tassazione immobiliare, come la Tasi e l’Imu, le tasse sulla casa a carico dei proprietari che – secondo alcune stime del Codacons – sono cresciute del 177% nell’ultimo triennio, passando dai 9 miliardi del 2011 ai 25 dello scorso anno.
Una notizia positiva c’è. I dati dell’Istat, relativi ad occupati e disoccupati del secondo trimestre del 2015, rappresentano una prima – seppure timida – inversione di tendenza per il settore delle costruzioni. Dopo diciannove trimestri consecutivi in calo, gli occupati nel comparto sono tornati a crescere del 2,3% (pari a 34 mila unità in più in un anno). A crescere complessivamente sono stati tanto i lavoratori dipendenti (+2,7%, 24 mila unità) quanto quelli indipendenti (+1,6%, 10 mila unità).
Tuttavia gli incrementi sono stati registrati soltanto nel Nord (+3%) e nel Mezzogiorno (+3%). Nel Centro del Paese, infatti, gli occupati sono diminuiti dello 0,3% su base annua.

 

Scrivi una replica

News

Stati Uniti, Biden: «C’è un enorme interesse per avere un grande rapporto con Nato e Ue»

«C’è un enorme interesse per avere un grande rapporto con la NATO e l’Ue». Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, incontrando…

15 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Oms: «Il virus è più rapido dei vaccini»

«Il virus si sposta più rapidamente della distribuzione mondiale dei vaccini». A denunciarlo il direttore generale dell’Oms, Adhanom Ghebreyesus, invitando i Paesi produttori un maggiori…

15 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, negli Usa 10mila nuovi casi: la California lo Stato più colpito dalla pandemia

Gli Stati Uniti nelle ultime 24 ore hanno registrato 193 decessi e 10.800 nuovi casi.  La California è ora lo stato più colpito dalla pandemia…

15 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cina contro la Nato: “Esagerate con la teoria della minaccia”

“La Nato vuole creare scontri”. E’ l’accusa lanciata dalla Cina in seguito all’accordo raggiunto dagli alleati occidentali su un’azione comune di contrasto alle politiche, spesso…

15 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia