Le imprese italiane e l’e-commerce | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le imprese italiane e l’e-commerce

e-commerceLe imprese italiane non hanno seguito l’esempio delle concorrenti europee: tra le nostre aziende, infatti, solo una porzione molto piccola si serve di Internet per vendere i propri beni e servizi.
Secondo un dossier del Centro studi ImpresaLavoro, realizzata su dati forniti dalla Commissione europea, soltanto il 5,34% delle imprese italiane vende online i propri beni e servizi. Un risultato deludente, specie nel confronto con il resto dell’Europa.
Nell’Unione europea, dove la media è del 15,8%, nessuno fa peggio di noi. Siamo lontani dai Paesi che si dividono il podio (Repubblica Ceca, Danimarca e Croazia, dove la quota delle imprese che vendono online è pari al 26,54, 26,36 e 26,28%) e dai nostri principali concorrenti, come Germania, Gran Bretagna, Spagna, Francia e Grecia rispettivamente a 22,59%, 19,80%, 16,65%, 11,76% e 9,19%.
Eppure Internet rappresenta un mezzo importante ed efficace per raggiungere un maggior numero di consumatori, che dimostrano una propensione all’acquisto di prodotti e servizi on-line crescente. I risultati di un’indagine sulle abitudini di acquisto e pagamento, condotta in Italia da Paysafecard su un campione di età compresa tra i 16 e i 70 anni, ne sono una prova. Secondo la rilevazione, infatti, il 96,4% degli intervistati prevede di fare acquisti e pagamenti su Internet nei prossimi 12 mesi: un dato in aumento rispetto all’ultimo anno, durante il quale il 94,7% del campione ha pagato on-line, servendosi di diversi metodi di pagamento (contanti, Paypal, carta di credito, carta pre-pagata…).
Colmare il divario, certificato da ImpresaLavoro e che ci divide con il resto dell’Ue, potrebbe essere molto importante. Il motivo? In futuro, i negozi virtuali potrebbero ritagliarsi uno spazio maggiore rispetto a quello attuale. Stando ad un’indagine realizzata dalla Confcommercio in collaborazione con Format Ricerche, per circa il 70% dei consumatori e degli imprenditori i negozi tradizionali tra dieci anni avranno ancora un ruolo importante, ma solo se capaci di emozionare e di coinvolgere il cliente.

 

Scrivi una replica

News

Bce: “Ripresa si rafforza ma rimane l’incertezza legata alle varianti”

“L’economia dell’area euro sta gradualmente ripartendo ed è atteso un netto miglioramento nella seconda metà del 2021, via via che i progressi nelle campagne di…

24 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Taiwan: “Dobbiamo prepararci ad un possibile conflitto con la Cina”

“Taiwan deve prepararsi ad un possibile conflitto armato con la Cina”. Lo ha affermato il ministro degli Esteri taiwanese, Joseph Wu, citando la crescente intimidazione…

24 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Miami, crolla palazzo condominiale: si temono diverse vittime

A Miami, più precisamente a Surfside, è crollato un palazzo condominiale nel corso della notte dì mercoledì 23 giugno. Al momento non è ancora chiaro…

24 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, ultima dichiarazione della Merkel al Bundestag

Nella giornata di giovedì 24 giugno, Angela Merkel ha sostenuto la sua ultima dichiarazione governativa al Bundestag, dopo 16 anni da cancelliera. L’ultimo discorso è…

24 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia