La liberalizzazione degli orari | T-Mag | il magazine di Tecnè

La liberalizzazione degli orari

carrello_della_spesaQuanto certificato dall’Istat (un miglioramento delle vendite al dettaglio a luglio) riguarda principalmente la Grande distribuzione organizzata. Mentre i negozi più piccoli vivono ancora momenti di difficoltà. Difficoltà che, secondo il commento di Confesercenti, aumentano al ridursi della dimensione dell’impresa.
Secondo l’Istat, a luglio le attività commerciali con meno di 5 dipendenti hanno registrato un nuovo calo delle vendite su base annua (-0,2%). Contemporaneamente, invece, le vendite delle imprese fino a 50 dipendenti e quelle con oltre 50 addetti sono cresciute (rispettivamente) dello 0,6 e del 3,5%.
Come mai queste differenze? Secondo Confesercenti, i negozi più piccoli stanno pagando l’effetto della liberalizzazione degli orari di apertura e chiusura degli esercizi commerciali, introdotta nel 2012 con il decreto Salva Italia. In pratica, il decreto consente all’imprenditore di decidere in piena libertà in quali giorni e per quante ore aprire o chiudere il proprio negozio.
Una deregulation, che ha permesso all’Italia di seguire l’esempio di altri 13 partner europei – tra cui Svezia, Irlanda, Portogallo e Croazia – , ma che non piace a tutti. Per Confesercenti, ad esempio, la liberalizzazione degli orari ha creato “un regime di concorrenza insostenibile per i piccoli” commercianti e i negozi tradizionali, che dal 2012 hanno perso il 3,3% delle quote di mercato, a favore della Grande distribuzione organizzata (Gdo).
Federdistribuzione, che organizza e rappresenta la grande distribuzione organizzata in Italia, la pensa diversamente. La liberalizzazione degli orari, argomenta Federdistribuzione, ha arginato tanto il crollo dei consumi – per Nielsen, le famiglie con maggiori disponibilità economiche hanno aumentato gli acquisti nei giorni festivi – quanto di aumentare le ore lavorate e di conseguenza di far crescere i salari nella Distribuzione moderna organizzata: circa 400 milioni di euro di salari erogati in più l’anno.
Inoltre, aumentando le ore medie lavorate, la Dmo ha avuto la necessità di assumere nuovo personale: le nuove assunzioni sono state circa 4.200, il 55% delle quali è stato effettuato attraverso contratti a tempo determinato part time, inclusi i contratti part time weekend.
Secondo Federdistribuzione, dunque, il difficile momento dei negozi tradizionali non deriva all’avvento della liberalizzazione degli orari, ma è dovuto solo alla crisi economica. Crisi che non ha fatto sconti a nessuno: dal 2011 al 2014, ricorda Federdistribuzione, sono diminuiti i punti vendita tradizionali (-18.606) quanto – seppur in misura minore – quelli della Dmo (-2.504).

 

Scrivi una replica

News

Bce: “Ripresa si rafforza ma rimane l’incertezza legata alle varianti”

“L’economia dell’area euro sta gradualmente ripartendo ed è atteso un netto miglioramento nella seconda metà del 2021, via via che i progressi nelle campagne di…

24 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Taiwan: “Dobbiamo prepararci ad un possibile conflitto con la Cina”

“Taiwan deve prepararsi ad un possibile conflitto armato con la Cina”. Lo ha affermato il ministro degli Esteri taiwanese, Joseph Wu, citando la crescente intimidazione…

24 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Miami, crolla palazzo condominiale: si temono diverse vittime

A Miami, più precisamente a Surfside, è crollato un palazzo condominiale nel corso della notte dì mercoledì 23 giugno. Al momento non è ancora chiaro…

24 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, ultima dichiarazione della Merkel al Bundestag

Nella giornata di giovedì 24 giugno, Angela Merkel ha sostenuto la sua ultima dichiarazione governativa al Bundestag, dopo 16 anni da cancelliera. L’ultimo discorso è…

24 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia