Mercato del lavoro: il Wef premia l’Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Mercato del lavoro: il Wef premia l’Italia

lavoro_ispezioniNel suo Rapporto sulla Competitività il World Economic Forum premia i risultati nel mercato del lavoro ottenuti dall’Italia grazie alle riforme messe in campo negli ultimi anni. Certo, ancora non possiamo vantare posizioni eccelse nelle classifiche stilate dal Wef, ma i primi passi in avanti cominciano a vedersi.
Nel dettaglio il World Economic Forum plaude al Jobs Act e giudica, in generale, le riforme strutturali del mercato del lavoro come la “forza trainante di un forte miglioramento complessivo della competitività dell’economia in Italia”. Misure, dunque, grazie alle quali l’Italia guadagna sei posizioni nella classifica sulla competitività, passando dal 49esimo al 43esimo su un totale di 140 posizioni.
In particolare l’efficienza del mercato del lavoro viene premiata con dieci posti, un buon risultato calcolando che il passaggio dalla 137esima alla 127esima è avvenuto in un solo anno. Che resta molto da fare è deducibile dai risultati ottenuti nel campo del fisco e degli incentivi al lavoro, per il quale l’Italia occupa solo il 137esimo posto (sempre su 140), e nel rapporto tra produttività e retribuzioni, al 131esimo. Male anche per quanto riguarda la classifica relativa alle assunzioni e ai licenziamenti, nella quale ci piazziamo al 132esimo scalino.
Il nostro paese perde poi tre posizioni nel ranking per il contesto macroeconomico, fermandosi al 111esimo, mentre occupa addirittura il 136esimo a causa dell’elevato debito pubblico.
Ad oggi, secondo la classifica generale, le dieci economie più competitive al mondo sono – in ordine – Svizzera, Singapore, Stati Uniti, Germania, Olanda, Giappone, Hong Kong, Finlandia, Svezia e Regno Unito. Come anticipato, l’Italia, nel ranking generale, occupa solo il 43esimo posto.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, a livello globale i contagi hanno superato i 178,8 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 178.870.559. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

22 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Oms: «Pochi vaccini nei paesi più poveri»

Secondo il consigliere del direttore generale dell’Oms, Bruce Aylward, molti dei paesi più poveri che hanno ricevuto i vaccini anti-Covid-19 attraverso l’iniziativa Covax, che ha…

22 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, Corte di Giustizia: «YouTube non responsabile automaticamente delle violazioni del copyright»

YouTube – e piattaforme online simili – non devono essere considerate automaticamente responsabili della violazione del diritto d’autore commessa dagli utenti attraverso la pubblicazione di…

22 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Speranza: «Fino a quando il numero dei morti non sarà zero, la battaglia resterà incompiuta»

«Fino a quando il numero delle morti per Covid non sarà ‘zero’ in tutte le Regioni italiane ci sarà ancora una battaglia incompiuta». Lo ha…

22 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia