Cosa pensano gli italiani della riforma del Senato | T-Mag | il magazine di Tecnè

Cosa pensano gli italiani della riforma del Senato

SenatoMartedì palazzo Madama ha dato il via libera (non ancora definitivo) alla riforma del Senato. Secondo l’indagine dell’Istituto di ricerca Tecnè per Porta a Porta, la maggior parte degli intervistati (il 51%) ha dichiarato che avrebbe preferito che il Senato fosse stato eliminato del tutto. Quasi uno su tre (il 27%) condivide la riforma mentre il 14% lo preferiva com’era prima (l’8% è senza opinione). Ampia anche la quota di quanti, guardando ad un punto specifico della riforma, risultano d’accordo con la riduzione del numero dei senatori da 315 a cento: il 75% del totale.
Se la riforma del Senato venisse posta a Referendum il 41% voterebbe a favore, il 35% contro mentre il 15% non andrebbe a votare (senza opinione il 9%).

Intenzioni di voto e fiducia nel governo
Se si votasse oggi per le elezioni politiche il Pd si confermerebbe primo partito con il 33% dei voti (contro il 32% di un mese fa), il Movimento5Stelle guadagnerebbe lo 0,5%, ottenendo il 27,5% dei voti mentre la Lega Nord il 15% (contro il 15,5% del precedente rilevazioni). Forza Italia si attesterebbe, invece, all’11,5% e Fratelli d’Italia al 4% come anche Area Popolare. Sel scenderebbe al 3% e Idv si manterrebbe allo 0,5% come scelta civica. Il dato riguardante gli incerti e l’astensione si presenterebbe al 52%.
Rispetto ad un mese fa la fiducia nel governo è salita di due punti percentuali, portandosi al 26%. Sale anche la fiducia nel premier Matteo Renzi (+1%), al 33%.

Sfoglia l’indagine Tecné-Porta a Porta in Pdf

Il sondaggio è stato effettuato il 12 ottobre 2015. Numerosità pari a 1.000 casi con metodo Cati su un campione rappresentativo della popolazione maggiorenne italiana. Margine d’errore +/- 3,1% sui risultati a livello dell’intera popolazione. Estensione territoriale: intero territorio nazionale. Committente: Porta a Porta.

 

Scrivi una replica

News

Usa 2024, Kamala Harris blinda la nomination

Kamala Harris otterrà la nomination alla prossima convention del Partito democratico, in programma a Chicago a partire dal 19 agosto. Secondo diversi sondaggi – a…

23 Lug 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina: il ministro degli Esteri Kuleba è a Pechino, dove incontrerà l’omologo cinese

Il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba, è a Pechino su invito del suo omologo cinese Wang Yi. Si tratta della prima missione in Cina…

23 Lug 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Medio Oriente, Netanyahu: «Stanno maturando le condizioni per liberare gli ostaggi»

«Le condizioni per liberare gli ostaggi a Gaza stanno maturando». Così il premier israeliano, Benjamin Netanyahu, incontrando le famiglie dei rapiti, a Washington. Il primo…

23 Lug 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cinema, cinque film italiani in corsa alla Mostra di Venezia

Alla 81/a Mostra del cinema di Venezia, in programma dal 28 agosto al 7 settembre, saranno in gara cinque film italiani. Lo hanno annunciato il…

23 Lug 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia